ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Lo stretching è adatto ai bambini?

È possibile e in che modo fare stretching con bambini in età pediatrica e pre-puberale? Lo stretching va iniziato, nel rispetto dell'idea ludica della motricità.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

È possibile e in che modo fare stretching con bambini in età pediatrica e pre-puberale?

Nei primi anni di attività motoria la motivazione intrinseca a muoversi è data dalla gioia che deriva dal movimento e dal piacere di stare con gli altri: infatti si è visto che la disponibilità allo sforzo, capacità questa utile successivamente per acquisire abilità, resta elevata se i bambini raggiungono successi nei rapporti sociali e soddisfazione rispetto ai loro bisogni psico fisici. In particolare e in aggiunta a quanto sopra, esistono nella crescita delle fasi sensibili all'allenabilità, cioè periodi in cui la specificità dell'allenamento sortisce i migliori effetti nel rispetto dei bisogni di crescita e di salute. Questo vale, come vedremo, anche per l'allungamento (stretching) muscolare.

Lo stretching è una metodica atta a modificare la lunghezza muscolare e viene attuato mediante posizioni che permettono ad una determinata catena muscolare di allungarsi portando i seguenti benefici: Aumento dell'efficienza del gesto motorio, quindi miglioramento della performance dell'atleta. Diminuzione dei rischi d'infortunio, sia muscolari sia articolari. Aumento dell'irrorazione sanguigna e apporto di sostanze nutritive alle articolazioni e muscoli. Incremento della quantità e qualità del liquido sinoviale. Diminuzione del dolore muscolare post-allenamento. Accrescimento dell'equilibrio muscolare che permette il mantenimento di una postura corretta. Miglioramento del controllo centrale sia del movimento muscolare che del tono. Miglioramento della consapevolezza del proprio corpo e agevolazione del rilassamento generale. Grande importanza per una corretta riuscita degli esercizi di stretching riveste il modo di eseguire la respirazione. Per essere il più rilassati possibile bisogna cercare di respirare molto lentamente, utilizzando il diaframma più che i muscoli intercostali; le inspirazioni e le espirazioni devono essere ritmiche e profonde. Tale sistema aiuta a concentrarsi e a mantenere la posizione.

Trattenere il respiro, invece, non fa altro che irrigidire il corpo e inibire l'allungamento. Anche una corretta nutrizione può favorire la possibilità di ottenere scioltezza muscolare: se la dieta è troppo ricca di proteine animali e latticini e povera di frutta e verdura, si può osservare una certa difficoltà a raggiungere dei buoni risultati in fase di allungamento. Meglio quindi seguire una dieta varia e ricca di alimenti vegetali in modo da fornire al nostro corpo tutti gli elementi di cui necessita. Un corretto allungamento prima di ogni attività sportiva, ma sempre dopo aver scaldato la muscolatura (il tessuto connettivo quando è caldo è più elastico), ne facilita la riuscita rendendo i muscoli caldi e sciolti. Lo stretching è particolarmente efficace al termine della pratica sportiva: aiuta il rilassamento delle tensioni muscolari, migliora la circolazione sanguinea ossigenando i muscoli e tende a rendere più veloce l'assorbimento dell'acido lattico. Lo stretching fornisce anche un notevole aiuto sul piano psicologico perché porta a prendere coscienza delle possibilità di movimento del proprio corpo. In ultima analisi, lo stretching è estremamente importante per la salute ma occorre praticarlo, soprattutto all'inizio, senza l'ansia di ottenere subito risultati notevoli.

E' questo l'unico modo per guadagnare più scioltezza giorno dopo giorno. In conclusione, mi sento di dire che lo stretching va iniziato, nel rispetto dell'idea ludica della motricità, nei primi anni di vita sotto forma di gioco e cioè non stressando le strutture biologiche interessate ma divertendo il bambino; poi in parallelo alla maturazione del sistema osteo- artro-muscolare e nervoso e in coincidenza con la stabilizzazione della capacità di apprendimento (motorio) - età scolare - va gradualmente potenziato nel rispetto della biologia e della crescita individuale. Tuttavia va ricordato che, come è importante rispettare le fasi sensibili per l'allenabilità, è altrettanto importante, nel caso dello stretching, tenere presente che in età post-puberale le strutture interessate diventano sempre meno allenabili all'allungamento.

18/1/2002

4/1/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare