ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Svezzamento in un bambino allergico

Quali suggerimenti per lo svezzamento di un bambino allergico? Mi sono stati vietati latte, uova, pesce e derivati. I consigli del Pediatra.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Ho un bambino di quattro mesi e mezzo cui è stata diagnosticata una dermatite atopica associata ad una sospetta intolleranza alle proteine del latte vaccino. Questo sospetto ha spinto il pediatra, al mio rientro in ufficio, a integrare il latte materno con latte di soia. Dopo un periodo di rifiuto, il bambino ha iniziato a bere questo latte ma dando segni di malessere (rigurgiti, disordini intestinali, rallentamento della crescita). A che età è opportuno praticare i prick test e quali suggerimenti per lo svezzamento? Nel frattempo mi sono stati vietati latte, uova, pesce e derivati.

Il suo pediatra ha deciso di togliere dalla sua dieta gli alimenti più allergizzanti (uova, pesce) che, passando nel latte materno, sarebbero stati assunti dal bimbo e la stessa cosa vale per il latte e i suoi derivati, utilizzando il latte di soia.

Bisogna comunque tenere il bimbo sotto controllo, perché nel 30% circa dei casi di dermatite atopica si verifica reazione anche con la soia. In questo caso la scelta dovrà cadere su un latte idrolisato spinto (molti sono i nomi commerciali e il suo pediatra saprà consigliarla nella scelta). Per lo svezzamento introdurrei molto gradualmente gli alimenti dando la preferenza a quelli meno allergizzanti (tra le carni agnello, pollo, tacchino, coniglio; uovo e pesce dopo l'anno). Tra gli esami il prick test non è proponibile (il bimbo è troppo piccolo ), ma un piccolo prelievo consente, con la metodica Rast, la determinazione delle immunoglobuline E specifiche per gli alimenti responsabili del quadro clinico. Così facendo è possibile individuare quali alimenti suo figlio non tollera (controllerei anche la soia) ed escluderli dalla dieta.

3/7/2001

3/7/2001

I commenti dei lettori

Sono sinceramente un po' perplessa. Non sono un medico, ma il semplice "sospetto" di intolleranza alimentare, associato a DA (e non sappiamo se severa o meno) non dovrebbero costituire di per sé ragioni sufficienti per suggerire di interrompere l'allattamento esclusivo materno, per integrare con un latte (di formula?) a base di soia, in un bambino di soli 4 mesi. Solitamente questo avviene in casi molti gravi, e su suggerimento di un dermatologo pediatra e/o da un allergologo pediatra che abbiano esaminato il caso, e ne abbiamo valutato l'opportunità, sulla base delle loro competenze specifiche in quei campi. monica mimangiolallergia

monica mimangiolallergia 26/03/2012

Alla mia bambina di 4 mesi è stata riscontrata la dermatite atopica, lei assume latte artificiale da sempre e al momento sta già prendendo il latte idrolizzato (che è amarissimo) ma il mio pediatra le vuole fare il prick test x escludere l'intelloranza al lattosio.

annasophia (BA) 17/02/2013

salve ho un bimbo di 10 mesi è nato il 29/7/12 di 3490kg lo allatto al seno da subito ha manifestato dermatiti e coliche gassose quindi il pediatra mi ha consigliato di eliminare dalla mia alimentazione latte e derivati...ho provato diversi tipi di latte soia,capra asina e altri tipi di latti speciali ma non ne vuole sapere.Ho iniziato a 6 mesi lo svezzamento eliminando completamente i latticini ma continuo ad allattarlo.Cosa mi consigliate di fare vorrei smettere d'allattarlo..inoltre il bambino è 73cm e pesa 7,800kg è nella norma?

manuela (CT) 08/06/2013

Ciao a tutti sono a mamma d Edoardo un bimbo d sei mesi e mezzo... Lui fa da circa 4 mesi un idrolisato spinto ch s chiama" hipolac" ....gli e' stato dato in ospedale a due mesi e mezzo dopo aver avuto un importante emorragia gastrica, provocata secondo i medici,dopo aver eseguito una gastroscopia,da un allergia alle proteine del latte vacciino! Lui nn ha ancora iniziato lo svezzamento a causa d diverse intercorrenze speriamo d iniz iarlo appena s riprende del tutto, perche s e' stancat qst latte e' immangiabile!!! Spero tanto che iniziando lo svezzamento nn icominci a vomitare....e chiederei a qualuno se m spiegasse perche' tuttora mio figlio( una poppata si e una no) fa diarrea.... I medici escludono il lattosio.....sto impazzendo!

Claudia (CT) 13/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Svezzamento in un bambino allergico"

Alimenti per l'infanzia
La classificazione di tutti gli alimenti per lattanti e neonati realizzata da Pediatria On Line per BabyChef.
Allattamento al seno e svezzamento
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Coliche e frutta fresca
Da quando ha introdotto la frutta e verdura gli sono aumentate le coliche gassose. I consigli del Pediatra.
Svezzamento: quando è meglio?
Lo svezzamento del neonato fatto a cinque o sei mesi viene deciso dal pediatra a seconda del caso specifico.
Ha undici mesi ed è sottopeso
Ci potrebbe suggerire qualche pappa o prodotto alternativo? Mia figlia di undici mesi è sottopeso. Le pappe miracolose non esistono.
Alimentazione dopo l'anno
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte