ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Epatite A

L'epatite A si trasmette per via oro-fecale. Quindi perché ci sia contagio, deve essere ingerito cibo o acqua contaminata da feci infette oppure deve esserci contatto con una persona infetta.

a cura di: Dott. Mario Lagrasta (pediatra)

Mio figlio di 17 mesi frequenta l'asilo nido. Tre giorni orsono a tutti i genitori dell'asilo è stato consegnato un foglio dell'Asl in cui venivamo avvertiti che è stato riscontrato un caso di epatite A. Oggi pomeriggio tutti i bambini vengono sottoposti al vaccino. Cosa si può fare per scoprire nel tempo se mio figlio è stato contagiato, visto che i tempi di incubazione sono molto lunghi? Quali sono i sintomi? Quali conseguenze può avere? Quali esami o test si possono fare?

L'epatite A è causata dal virus HAV, che si trasmette per via oro-fecale. In altre parole, perché ci sia contagio, deve essere ingerito cibo o acqua contaminata da feci infette oppure deve esserci contatto con una persona infetta. L'intervallo fra l'esposizione al virus e l'inizio dei sintomi è in media di circa 25-30 giorni (da un minimo di 15 ad un massimo di 50). Per scoprire se un soggetto è stato contagiato si possono chiedere le transaminasi (queste aumentano 1-2 settimane prima della comparsa dei sintomi clinici) e gli anticorpi anti-virus Epatite A.

Gli anticorpi di tipo IgM compaiono in coincidenza con l'esordio clinico della malattia e indicano una malattia in atto. La presenza di anticorpi di tipo IgG è segno di guarigione (compaiono già dopo due mesi) ed immunizza contro una reinfezione con virus Epatite A. L'epatite contratta nei primi due anni si può presentare in forma lieve o addirittura senza sintomi. Si possono avere nausea, vomito, dolori addominali, diarrea, congiuntive giallastre, urine scure, feci chiare ecc. Non si hanno complicazioni: non esiste l'epatite cronica da virus A né lo stato di portatore sano. Il virus viene eliminato dalle feci almeno cinque giorni prima dell'aumento delle transaminasi e diminuisce rapidamente al momento in cui compare l'ittero. La decisione di vaccinare i contatti è giusta: la vaccinazione con dose di 720 Unità protegge il bambino nel giro di 10-14 giorni, e il richiamo, dopo 6-12 mesi, assicura una protezione permanente.

5/1/2000

31/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Epatite A"

Vaccinazione contro l'epatite A
La vaccinazione contro l'epatite A può essere effettuato a partire dal docicesimo mese di vita.
Transaminasi alte
Transaminasi alte nei bambini. Gli esami che si devono fare per sapere se le transaminasi sono alte.
Epatite A: indicazioni sulla vaccinazione
L'epatite A: tutte le informazioni sulla vaccinazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo