ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Epatite A

L'epatite A si trasmette per via oro-fecale. Quindi perché ci sia contagio, deve essere ingerito cibo o acqua contaminata da feci infette oppure deve esserci contatto con una persona infetta.

a cura di: Dott. Mario Lagrasta (pediatra)

Mio figlio di 17 mesi frequenta l'asilo nido. Tre giorni orsono a tutti i genitori dell'asilo è stato consegnato un foglio dell'Asl in cui venivamo avvertiti che è stato riscontrato un caso di epatite A. Oggi pomeriggio tutti i bambini vengono sottoposti al vaccino. Cosa si può fare per scoprire nel tempo se mio figlio è stato contagiato, visto che i tempi di incubazione sono molto lunghi? Quali sono i sintomi? Quali conseguenze può avere? Quali esami o test si possono fare?

L'epatite A è causata dal virus HAV, che si trasmette per via oro-fecale. In altre parole, perché ci sia contagio, deve essere ingerito cibo o acqua contaminata da feci infette oppure deve esserci contatto con una persona infetta. L'intervallo fra l'esposizione al virus e l'inizio dei sintomi è in media di circa 25-30 giorni (da un minimo di 15 ad un massimo di 50). Per scoprire se un soggetto è stato contagiato si possono chiedere le transaminasi (queste aumentano 1-2 settimane prima della comparsa dei sintomi clinici) e gli anticorpi anti-virus Epatite A.

Gli anticorpi di tipo IgM compaiono in coincidenza con l'esordio clinico della malattia e indicano una malattia in atto. La presenza di anticorpi di tipo IgG è segno di guarigione (compaiono già dopo due mesi) ed immunizza contro una reinfezione con virus Epatite A. L'epatite contratta nei primi due anni si può presentare in forma lieve o addirittura senza sintomi. Si possono avere nausea, vomito, dolori addominali, diarrea, congiuntive giallastre, urine scure, feci chiare ecc. Non si hanno complicazioni: non esiste l'epatite cronica da virus A né lo stato di portatore sano. Il virus viene eliminato dalle feci almeno cinque giorni prima dell'aumento delle transaminasi e diminuisce rapidamente al momento in cui compare l'ittero. La decisione di vaccinare i contatti è giusta: la vaccinazione con dose di 720 Unità protegge il bambino nel giro di 10-14 giorni, e il richiamo, dopo 6-12 mesi, assicura una protezione permanente.

5/1/2000

31/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Epatite A"

Vaccinazione contro l'epatite A
La vaccinazione contro l'epatite A può essere effettuato a partire dal docicesimo mese di vita.
Epatite A: indicazioni sulla vaccinazione
L'epatite A: tutte le informazioni sulla vaccinazione.
Transaminasi alte
Transaminasi alte nei bambini. Gli esami che si devono fare per sapere se le transaminasi sono alte.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'obesità infantile
Negli ultimi decenni il numero di bambini con problemi di peso, in Italia come nel resto del mondo industrializzato, è costantemente aumentato.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
Temperatura in casa con un neonato
Quale temperatura deve essere tenuta in casa quando si ha un neonato? I consigli del Pediatra.
Neurofibromatosi
Con il termine di neurofibromatosi si intendono almeno sette diverse malattie genetiche. Nel 50% dei casi la malattia viene ereditata da un genitore affetto.
Poppata notturna del neonato
Non sempre è necessario dare la poppata notturna ad un neonato. I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il paracetamolo è sbagliata?
Calma il dolore
Ha una forte azione anti-infiammatoria
Viene ben tollerato a livello gastrointestinale
Puo' essere somministrato durante l'allattamento