ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

E' nata piccola per l'età gestazionale

Le cause di tale insufficiente sviluppo del neonato sono numerosissime, tuttavia possono essere riconducibili a tre principali categorie.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

A causa di una insufficienza placentare il ginecologo ha deciso di far nascere mia figlia alla 36°-37° settimana. Il peso alla nascita era di 1.600 grammi, ha respirato subito da sola e si nutre con 20 grammi di latte x otto volte al giorno ed ha in infusione una soluzione glucosata bilanciata. Cosa devo aspettarmi nelle prossime settimane? Quali possono essere i rischi di una situazione come questa? A quali esami diagnostici sarebbe opportuno sottoporla? Tra quanto tempo potrà uscire dall'incubatrice? Quali dovrebbero essere le curve di accrescimento in una situazione del genere? Ho un gran bisogno di risposte a queste domande che stanno turbando la mia neopaternità.

La situazione in esame è un chiaro esempio di neonato piccolo per età gestazionale o SGA (N.d.R.: acronimo inglese di Small for Gestational Age). Di un neonato, cioè, il cui peso alla nascita è inferiore al 10° percentile della curva di accrescimento fetale. Per intenderci, ad un'epoca gestazionale di 36-37 settimane un neonato sano dovrebbe pesare all'incirca 2.000-2.200. Le cause di tale insufficiente sviluppo del neonato sono numerosissime, tuttavia possono essere riconducibili a tre principali categorie: insufficienza placentare (come nel caso in esame); condizioni che compromettono lo stato di salute e/o di nutrizione della madre; condizioni che influenzano direttamente, in senso negativo, lo sviluppo e la crescita del feto. I rischi di simili situazioni sono in relazione ad un'alta frequenza di sofferenza fetale acuta in travaglio di parto (che peraltro non sembra essersi verificata in questo caso), tale per cui questi parti vengono ritenuti essere ad alto rischio, inclusa una eventuale accurata rianimazione.

Se il bambino non ha avuto problemi in epoca perinatale (N.d.R.: entro la prima settimana di vita), nei giorni e settimane successivi c'è da aspettarsi in linea generale, e non obbligatoriamente riferito al caso in esame, una maggior tendenza all'ipoglicemia, ipocalcemia, all'acidosi, alla poliglobulia (N.d.R.: aumento numerico dei globuli rossi nel sangue) ed all'ipotermia, espressioni delle limitazioni anatomo-funzionali che questi neonati hanno in merito alla funzione respiratoria, alla regolazione della temperatura corporea, all'attività cerebrale, cardiocircolatoria, renale, alla regolazione idroelettrolitica ed alla difesa contro le infezioni. Per tutti questi motivi, tali neonati vengono routinariamente sottoposti ad accertamenti diagnostici ben conosciuti e messi in atto nei reparti di neonatologia e patologia neonatale. Nel giro di qualche settimana, infine, allorché il neonato mostrerà chiari di segni di completo adattamento all'ambiente, con capacità termoregolatoria ben acquisita, con suzione valida e crescita costante, sarà prontamente portato fuori dall'incubatrice.

28/5/2001

12/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte