ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La peritonite

La peritonite è l'infiammazione delle membrane peritoneali viscerali e parietali dell'addome. Di solito è conseguente ad un'infezione batterica della cavità peritoneale.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Vorrei avere informazioni mediche sulla peritonite: che cos'è, perché viene, quali sintomi provoca, come si cura.

La peritonite è l'infiammazione delle membrane peritoneali viscerali e parietali dell'addome (il peritoneo, infatti, è una sottile struttura membranosa, molto vascolarizzata, che riveste la cavità addominale ed i visceri addominali).

Di solito è conseguente ad un'infezione batterica della cavità peritoneale, più raramente è causata da un'irritazione chimica, come nella peritonite biliare, dovuta cioè non ad infezione ma allo stravaso di bile, altamente irritante, nella cavità peritoneale. Si parla di peritonite "generalizzata", se l'infiammazione interessa il peritoneo nel sua completa estensione; oppure "localizzata" se interessa una zona limitata, dando luogo ad una raccolta ascessuale (come l'ascesso appendicolare, l'ascesso pelvico o l'ascesso subfrenico).

Se la peritonite è un evento che non appare essere in relazione ad una precedente infiammazione dei visceri addominali si parla di peritonite "primitiva", ed è causata allora da diversi tipi di germi. Se, invece, è la conseguenza di una iniziale infiammazione dei visceri addominali si parla di peritonite "secondaria"; nei bambini questo tipo di peritonite si associa più spesso ad appendicite, ma può verificarsi anche nel volvolo, nell'ernia incarcerata o nella rottura del diverticolo del Meckel. La sintomatologia è, in genere, molto evocativa ed è caratterizzata da forti dolori addominali, vomito, rigidità della parete addominale. Spesso vi si associa febbre; a volte diarrea profusa con grave disidratazione, altre volte alvo chiuso con sintomi da occlusione intestinale.

Il cardine della terapia, ovviamente in ambiente ospedaliero, consiste in una serie di misure volte:

  • a stabilizzare il paziente correggendo lo squilibrio idro-elettrolitico con infusione di soluzioni glucosaline;
  • ad alleviare l'ostruzione intestinale con l'aspirazione nasale;
  • a controllare l'infezione peritoneale con antibiotici ad ampio spettro.

Nelle forme "secondarie" l'intervento chirurgico su qualsiasi viscere lesionato deve essere eseguito prima possibile, preferibilmente dopo che il paziente è stato stabilizzato e sicuramente dopo l'inizio della terapia antibiotica parenterale.

Nelle forme "primitive", in genere la risoluzione dei sintomi si ottiene entro 48 ore di terapia. Tuttavia, è indicata l'esplorazione chirurgica del cavo peritoneale se dopo tale periodo di terapia antibiotica le condizioni cliniche del bambino non migliorano; oppure se si osserva aria libera alla radiografia dell'addome (indice di perforazione di un viscere), o se vi sono segni di localizzazione (indice di formazione di ascessi).

14/10/2002

14/1/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.
Mostrarsi nudi da un bambino di cinque anni
E' un problema mostrarsi nudi davanti ad un figlio di cinque anni? Il consiglio dello psicologo.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
La placenta
La placenta è l'organo di scambio fra la mamma e il bambino durante la gravidanza.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita