L' Associazione Italiana Sindrome X-Fragile (www.xfragile.net) è una associazione senza fini di lucro che ha lo scopo di riunire e coadiuvare le famiglie delle persone con sindrome del cromosoma X-Fragile e di altre forme di ritardo mentale legate al cromosoma X, e di contribuire allo studio di queste sindromi e ad una aggiornata informazione sulle stesse. Mira inoltre all'ottimale inserimento scolastico e sociale a tutti i livelli delle persone affette.

Per perseguire il suo scopo l'associazione si propone di:

  • intervenire il più presto possibile presso i genitori dei bambini con dette sindromi per consigliarli, alleviarne l'onere psicologico e favorire il processo di accettazione dei loro figli;
  • promuovere gli incontri dei genitori per scambiare idee, esperienze, e coordinarne l'attività anche attraverso Internet;
  • organizzare ogni attività atta a favorire l'inserimento di tutte le persone affette nella società e la loro accettazione a tutti i livelli, rispettando così i diritti dell'uomo previsti nella Costituzione;
  • divulgare al più vasto pubblico e con più vari mezzi, ogni informazione sulla natura e sul trattamento delle sindromi con ritardo mentale legate al cromosoma X, diffondendo la conoscenza degli strumenti operativi, legislativi e previdenziali di cui possono usufruire tutti coloro che sono affetti da dette sindromi.

.

Altro su: "Associazione Italiana Sindrome X-Fragile"

La sindrome di Pierre-Robin
Vorrei avere consigli per aiutarlo ed informazioni su questa sindrome (cause, terapie, sintomi).
Sindrome di Steven-Johnson
La Sindrome di Steven-Johnson è la forma estrema per gravità dell'eritema multiforme o eritema polimorfo.
Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
Ipomelanosi di Ito
L'ipomelanosi di Ito è una rara malattia cutanea caratterizzata da una ipopigmentazione.
Vitamine e sindrome di Down
Vitamine per curare la sindrome di Down: nuovi rimedi o vecchie illusioni?
Non sta mai fermo
Non riesce ad applicarsi in niente ed è in continuo movimento cambiando sempre gioco. Non sta fermo neppure quando guarda la TV. I consigli dello psicologo.