L'allattamento al seno può essere prolungato anche fino a 2 anni e oltre, ma dai sei mesi in avanti è necessario integrarlo  con alimenti diversi dal latte; in particolare, sono importanti quelli ricchi di ferro, come carne, pesce o cereali.

Una madre può decidere di ricorrere al latte artificiale per propria scelta oppure può doverlo fare per reale scarsa produzione di latte proprio, per l’esistenza di una controindicazione ad allattare al seno, o perché deve tornare al lavoro. 
In passato venivano elencate molte controindicazioni ad allattare, che attualmente non sono più riconosciute come tali. Le controindicazioni vere e proprie sono rare: la sieropositività della madre al virus dell’AIDS e l’assunzione di alcuni particolari farmaci e sostanze per la scintigrafia sono gli unici indiscutibili. In questi casi si ricorrerà al latte artificiale secondo le indicazioni del pediatra (un latte dei primi mesi e, dopo il 6° mese di vita, un latte cosiddetto di proseguimento).
Vanno invece evitati il latte naturale di mucca e di capra, poiché la loro composizione è inadeguata ai bisogni nutrizionali di un bambino nel primo anno di vita e possono inoltre causare carenze di ferro nel lattante.

Il ricorso a latti speciali (soia, riso, anti-reflusso, antiallergici) infine deve prevedere la consultazione con il pediatra.

Il latte artificiale può essere liquido (pronto per l’uso) o in polvere; in questo caso si prepara sciogliendolo in acqua del rubinetto bollita per 20 minuti. Una volta aperta la scatola si porrà attenzione nell’evitare che rimanga non protetta da coperchio e/o al di fuori del frigorifero.
Prima di preparare il latte, lavarsi bene le mani. Prima di offrire al bambino il latte artificiale, verificarne la temperatura.
Il latte che il bambino non mangia e che resta sul fondo del biberon non può essere riutilizzato e va gettato via.
Biberon e tettarelle devono essere mantenuti ben puliti e vanno periodicamente sterilizzati, solitamente con liquidi speciali o mediante bollitura.
Anche l’alimentazione con biberon, come quella al seno, deve prevedere una certa elasticità per quantità e numero di pasti. E’ importante farsi guidare dalla richiesta (ed appetito) del bambino. Le quantità di latte artificiale da dare al bambino indicate sulle confezioni del commercio sono, infatti, solo orientative.

(Tratto da: BAMBINE e BAMBINI del MONDO GUIDA PER LE FAMIGLIE, Ministero della Salute)

Altro su: "Integrazione del latte materno dopo il 6° mese"

Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Anestesia e allattamento
L'anestesia dal dentista durante l'allattamento al seno. Quali precauzioni devo prendere? I consigli dell'Odontoiatra.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.