La mia bambina ha appena otto mesi e sin dalla nascita ha avuto una costante lacrimazione dell'occhio. Il Pediatra ci ha indirizzato verso uno specialista soltanto dopo cinque mesi dalla nascita. L'oculista da qualche mese ci fa somministrare antibiotico locale a cicli (8 giorni) e massaggiare la base occhio/naso. Nessun miglioramento. Adesso ci dice che è il caso di ricorrere all'intervento. E' giusto farlo adesso o è consigliabile aspettare ancora? Che danni può ricevere l'occhio se si aspetta ancora?

Se la cura medica associata al massaggio della regione naso-lacrimale non hanno dato alcun risultato è corretto procedere al sondaggio e al lavaggio delle vie lacrimali tramite una manovra manuale (con l'intervento in sedazione o senza la sedazione: la scelta dipende dallo specialista cui ci si affida).

Alcuni oculisti effettuano l'intervento in ospedale con l'anestesia, altri eseguono la manovra anche ambulatorialmente senza addormentare il bimbo, perchè ritengono più invasiva la sedazione di quanto possa essere la manovra eseguita tenendo fermo il piccolo paziente di forza in più persone.

Semplici correnti di pensiero: entrambi le procedure, se eseguite correttamente, sono efficaci.

 

Altro su: "Dacriocistite"

Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.
Epifora: gli lacrima sempre l'occhio
Epifora è dovuta a un restringimento del puntino lacrimale, del canalino lacrimale o del dotto naso-lacrimale. Le cause e le soluzioni.
Canalicoli naso-lacrimali
Mio figlio ha eseguito il lavaggio dei canali lacrimali ma il problema non si è risolto.
Disostruire il canale del deflusso lacrimale
E' pericolosa per un neonato l'anestesia totale per disostruire il canale del deflusso lacrimale? Il parere dell'esperto.