Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Coccole nei bambini

Coccole a volontà per i bambini nei primi mesi di vita: non sono vizi. Se il neonato piange è bene tranquillizzarlo servirà a dargli fiducia.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Il nostro bambino (di due mesi e mezzo) subito dopo il bagnetto della sera piange ininterrottamente fino a che non lo si prende in braccio e lo si coccola. Cosa possiamo fare per evitarlo? Sembra che gradisca il bagnetto ma si dispera poco dopo tolto dall'acqua.

Non pensiamo che il pianto del vostro bambino sia questione del bagnetto, se effettivamente sembra gradito, se vengono rispettate le norme per cui va fatto lontano dal pasto di almeno due ore, se l'acqua è ad una temperatura tra i 36-37° C, se l'ambiente dove viene fatto è caldo, se utilizzate saponi neutri.

Il pianto sembra proprio una richiesta di coccole come se volesse prolungare la gioia di stare a contatto con voi, perciò coccolatelo finché non si tranquillizza, ve ne sarà grato e servirà a dargli fiducia nella vita.

Altro su: "Coccole nei bambini"

I capricci dei bambini
Perché un bambino fa i capricci? Consigli per evitare che un bambino capriccioso cresca viziato.
Svezzamento: curiosità
Lo svezzamento è un passaggio tipico dei primi tempi dell'infanzia. Ecco alcune curiosità.
Massaggio neonatale
La tecnica del massaggio neonatale serve per tranquillizzare e rilassare i neonati che hanno disturbi del sonno o facilità al pianto.