Che cosa fare in caso di scottatura o di ustione. Vorrei conoscere quali comportamenti mettere in atto e quali terapie seguire, in un bambino, in caso di scottatura o di ustione (da esposizione troppo lunga al sole oppure da acqua calda ecc.)

Cari genitori, la domanda inviata presenta situazioni cliniche molto diverse l'una dall'altra. Il comportamento corretto parte sempre da un'adeguata prevenzione, in particolar modo nell'esposizione ai raggi solari. La cute del bambino è più delicata di quella dell'adulto e pertanto deve essere protetta con maggior attenzione. L'esposizione al sole deve essere graduale, avendo cura di proteggere la cute con creme protettive a medio filtro per consentire alla pelle del bambino di formare gradualmente la sua protezione naturale che è l'abbronzatura.

L'arrossamento cutaneo, che può presentarsi in mancanza di un'adeguata prevenzione, può essere facilmente contrastato da creme idratanti la cute e con pomate al cortisone.
Diverso è il caso di un'ustione da liquidi surriscaldati o da oggetti incandescenti, che possono creare veramente un problema importante in relazione alla sede, all'estensione della superficie interessata ed alla gravità dell'ustione stessa (ustioni di I°-II°-III° grado).
La fascia d'età più coinvolta è quella compresa fra uno e quattro anni e l'ustione avviene in genere in ambiente domestico. Il primo soccorso consiste nel rimuovere il più rapidamente possibile, se coinvolti, gli indumenti impregnati del liquido caldo. In tutti i tipi d'ustione, la manovra più efficace consiste nel lavaggio o nell'immersione in acqua fredda della parte interessata. Questa manovra limita il danno in profondità della cute ed allevia il dolore.

L'applicazione fredda va mantenuta per circa 10-20 minuti se non reca fastidio e poi occorre proteggere la cute interessata con biancheria pulita nell'attesa del trasporto al Pronto Soccorso. La medicazione al Pronto Soccorso è necessaria per una corretta valutazione e gestione dell'ustione che, in relazione alla gravità, sede ed estensione, avrà un approccio differenziato e con un'evoluzione diversa. È intuitivo che piccole ustioni poco profonde non rappresentino un problema importante e che invece grandi estensioni profonde siano a volte di competenza di centri altamente specializzati.

Altro su: "Ustione da raggi solari o da acqua calda"

Le ustioni
Le ustioni costituiscano in Italia, il 3-4% degli incidenti del bambino, in particolar modo nei primi anni di vita.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini, basta usare delle piccole precauzioni. L'esposizione ai raggi solari può essere nociva: le regole da seguire.
Bambini al sole, con prudenza!
Il sole è un amico dei bambini favorendo la calcificazione delle ossa, perché attiva la vitamina D presente sulla pelle.
Arriva l'estate! Genitori, affrontiamola in sicurezza. I consigli della Federazione Italiana Medici Pediatri.
Le "7 regole d'oro" dei pediatri per l'attività all'aria aperta durante l'estate e per il tempo che i bambini impiegano in attività non scolastiche.
Colpo di sole e colpo di calore nei bambini
Colpo di calore o colpo di sole nei bambini: quali sintomi e cosa fare in caso di colpo di sole nei bambini. I rimedi per il primo soccorso.
Ustioni di primo grado
Le ustioni sono uno degli incidenti domestici più frequenti, in particolar modo in età pediatrica.