ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

uno specialista a tua disposizione

Reagisce violentemente se le togliamo di mano qualcosa

Come comportarsi se un bambino reagisce violentemente ad un rimprovero o se gli viene tolto di mano un oggetto che lo interessa? Come aiutarlo a superare questo momento.

a cura di: Dott.ssa Laura Fornari (psicopedagogista)

Ho una bambina di 16 mesi che, se rimproverata o se le si toglie di mano qualcosa che le interessa (o perché è pericoloso, o magari solo perché si deve uscire), si graffia sul viso, si morde la manina (lasciandosi i segni dei denti, se non addirittura degli ematomi blu!) oppure, se è abbastanza vicina, prende a sberle la persona che le fa "il torto". Premesso che noi non la picchiamo mai (né ci passa per la mente di farlo!), da chi può aver imparato certi atteggiamenti? Al nido? Oppure sono istintivi? E' una fase che passerà da sola, o devo aiutarla io? E come? Sto aspettando un fratellino/sorellina, e comincia a vedersi il pancione: può darsi che la bimba sia più nervosa per questo motivo?

Gentile Signora, accade spesso che i bambini, dopo aver acquisito grandi abilità (es. camminare, mangiare da soli, abbandono del pannolino) sembrino regredire ad uno stadio evolutivo precedente. Non deve costituire preoccupazione se questa "retrocessione" è momentanea: è solo la preparazione per un balzo più importante che richiede tutte le loro energie. Accade così, che proprio nel momento in cui i bambini procedono "temerariamente" alla scoperta del mondo, si attacchino (proprio nel tenerlo tenacemente in pugno) ad un oggetto che dà loro sicurezza. Anche se sono cose inanimate, i bambini le percepiscono come vive e le vogliono tenere soprattutto quando si sentono insicuri. Winnicott (grande pediatra e psicanalista infantile) ci dice che gli oggetti che i bimbi desiderano tenere con sé sono per loro "un traghetto verso il mondo" e servono per passare dalla fusione con la madre all'unità con sé stessi. Il loro modo di protestare quando ne sono privati (il mordersi, per esempio) può essere una modalità usata per "contenersi", per autodelimitarsi.

Non trovo espressioni più semplici per spiegarle il meccanismo psichico che si attua, ma posso consigliarle di dare alla sua bambina un oggetto che lei può tenere con sé anche quando uscite o quando va al nido o quando va a nanna. L'oggetto "transizionale" diventa per il bimbo una presenza consolatoria che lo aiuta a superare l'angoscia profonda che prova nel sentirsi "solo ad affrontare il mondo". Non le sembrino esagerate queste espressioni: il bambino, mentre ricerca l'autonomia, prova proprio queste emozioni.

E' quindi molto importante che in questa fase si sentano incoraggiati nel loro sforzo ma anche capiti nelle loro necessità di rassicurarsi aggrappandosi a degli "oggetti" noti. Quando la sua bimba si sentirà rassicurata dalla sua comprensione e dal suo amore, potrà raggiungere una reale fiducia nelle sue capacità. Spesso accade che i bimbi abbandonino questi comportamenti da un giorno all'altro per poi partire alla conquista del mondo. Spero che in questo periodo di gravidanza lei possa contare anche sulla presenza di un compagno rassicurante ed emotivamente molto presente, che la aiuti a vivere serenamente questo bel periodo.

26/2/2001

16/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cresce poco, ma è vivacissimo
Se il bambini cresce poco, ma ha una curva di crescita graduale e costante, in genere, non dovrebbero esserci problemi.
Stimolo ad urinare spesso in gravidanza
Lo stimolo ad urinare spesso è un problema frequente in gravidanza, l'incremento progressivo del volume dell'utero provoca una compressione sulla vescica.
Un rene ormai compromesso
Un reflusso vescico-ureterale congenito ha portato ad un rene ormai compromesso. Togliere il rene o correggere il difetto? I consigli dell'urologo.
Difetto interventricolare
Un buchino in mezzo al cuore domande e risposte sul difetto interventricolare.
Idrocefalo
L'idrocefalo è una malattia in cui si ha un accumulo di liquido cefalo rachidiano a livello delle cavità del cervello.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm