ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Sono una mamma in gravidanza e soffro di allergia ai pollini

Sono una mamma in attesa al quarto mese di gravidanza e soffro di allergia ai pollini. Quali farmaci usare per trovare un po' di sollievo? I consigli dell'allergologo.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Quali farmaci per l'allergia durante la gravidanza? Sono una mamma in attesa al quarto mese di gravidanza e soffro di allergia ai pollini. Gli antistaminici sono sconsigliati: cosa usare per trovare un po' di sollievo? La medicina omeopatica può effettivamente giovare al problema?

Bisogna innanzitutto valutare i potenziali benefici del farmaco per la donna gravida a confronto con i rischi potenziali del farmaco stesso per il prodotto del concepimento. L'effetto embriotossico (N.d.R.: dannoso per il prodotto del concepimento) dei farmaci si esplica soprattutto nel primo trimestre di gravidanza e in particolare nella fase dell'organogenesi (N.d.R.: fase dello sviluppo embrionale in cui si iniziano a formare i diversi organi) cioè nel periodo intercorrente tra il 18° e il 55° giorno di gestazione.

Privi di rischio embriotossico per la specie umana appaiono i cromoni (sodio-cromoglicato, nedocromil sodico), gli antistaminici di sintesi (loratadina, cetirizina), gli agonisti beta-adrenergici (salbutamolo): questi ultimi possono però ridurre la contrattilità uterina a termine. I rischi per il prodotto del concepimento connessi all'impiego di glucocorticoidi (N.d.R.: cortisonici) per via sistemica appaiono statisticamente modesti, anche se sono stati segnalati casi di teratogenesi (N.d.R.: malformazioni) come palatoschisi e cardiopatie congenite, e di una più elevata mortalità neonatale nella prole di madri asmatiche trattate con steroidi durante la gravidanza.

L'orientamento è quindi quello di evitare, a scopo precauzionale, la somministrazione di glucocorticoidi nel primo trimestre di gravidanza . Non esistono problemi per l'impiego in gravidanza di glucocorticoidi per via inalatoria soprattutto di quelli più recenti come il mometasone ed il fluticasone, la cui quota assorbita in circolo viene pressoché completamente inattivata a livello epatico. La medicina omeopatica non penso possa risolvere i suoi problemi

3/6/2003

27/1/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Insonnia in gravidanza
Dal quinto mese di gravidanza in poi un po' di insonnia è normale. Che fare? I consigli dell'esperto.
Lo sviluppo motorio nel primo anno di vita
Esiste una grande variabilità nei tempi oltre che nelle modalità dello sviluppo motorio nel primo anno di vita.
Un elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano