ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Perché i miei figli mi disubbidiscono?

Perché i miei figli ascoltano tutti, tranne me? Mentre con gli altri sono angioletti, con me si trasformano e mi disubbidiscono. Gli utili consigli della psicologa per risolvere la situazione.

a cura di: Dott.ssa Loredana Piratoni (psicologa)

Ho 30 anni e sono mamma di due bambini di tre anni e mezzo e due anni e mezzo. I miei figli ascoltano tutti, ubbidiscono a tutti ma a me niente. La più piccola con la signora che mi aiuta in casa è un angelo: mangia, dorme, gioca. Con me nulla di tutto questo. Il grande, da quando va all'asilo, è diventato cattivo, disubbidiente; quello che gli dice di fare il padre lo fa ma se sono io a dirlo, non si smuove. Non sono una mamma che non li sgrida e sculaccia al momento opportuno ma non sono neppure una mamma tutta baci e coccole; mi comporto come mio marito, mia madre e tutte le persone che stanno a contatto con i miei figli ma, mentre con gli altri sono angioletti, con me si trasformano. Sono scoraggiatissima.

Posso immaginare che questi bambini crescono con te, sei tu che ti occupi della loro educazione e che provvedi alle loro necessità: evidentemente ti ascoltano quando gli insegni il giusto modo di comportarsi, se sono tanto "angioletti" con gli altri e li hai resi tanto gradevoli per tutti. Comprenderai certamente che la voce della mamma non è sempre una voce "amica": sugli altri - nonni, tate, domestiche - non incombe il gravoso peso dell'educazione, loro possono, a loro piacere!!!!!!!, intrattenere o meno i bimbi, proporre la Nutella quando piangono, viziarli e, ahimè, far fare loro quello che più li aggrada.

Sulle madri invece questo peso incombe: sono le mamme che ricordano di mettere a posto i giocattoli, che spengono il televisore, che mettono al bando la Nutella e le patatine fritte, ecc ecc, ed è un elenco infinito. In tutto questo va anche considerato il momento particolare in cui avviene il richiamo che, ti lamenti, rimane inascoltato: se avviene, per esempio, durante una piacevolissima attività, comprenderai che a loro farà piacere all'incirca come fa piacere agli adulti il suono della sveglia alla mattina, o la telefonata del commercialista. Il richiamo alla doverosità, per quanto necessario e indispensabile, non è mai gradevole!!!

Un'ultima considerazione: non credo, neanche se lo vedessi, che tu ti comporti "come" tuo marito, tua madre ecc. Hai la tua personalità, hai il tuo modo di essere, il tuo modo di agire, e, se pure in alcuni momenti ti può sembrare che alcuni toni e alcune maniere hanno successo con i tuoi bimbi, non adottarli: da sempre i bambini fanno con gli altri ciò che non fanno a casa. Poche madri, anche insegnanti, sono mai riuscite ad insegnare a leggere e a scrivere ai figli, ma moltissime sono riuscite ad educarli in modo tale affinché altri ci riescano.

12/1/2001

12/8/2016

I commenti dei lettori

un articolo da rileggere nei momenti di sconforto.. grazie.

emy (UD) 18/09/2012

ho una nipote che per vestirsi la mattina è tutto un disubbidire per andare alla scuola materna.la vestizione è una lotta,perchè?

italo (MI) 12/02/2013

anc'io sono scoraggiata: ho una bimba di 4 anni che si ribella a qualsiasi cosa. E' una lotta lavarla, vestirla, farla mangiare, farla uscire....qualsiasi cosa le proponiamo è "NO!!". Purtroppo si comporta così con tutti: con i nonni, con le maestre, con noi genitori. solo ogni tanto la sorella più grande riesce a convincerla: ma non possiamo gravare su una bambina di 10 anni, per quanto matura sia!!! Siamo proprio esasperati e purtroppo l'urlo e la sculacciata stanno diventando una prassi più che un'eccezione....

Gabriella (TO) 18/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare