ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non vuole stare con suo papà

Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. Può dipendere dal fatto che io lavoro e quindi mi vede poco?

a cura di: Dott.ssa Graziana Odorino (psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale)

Non riesco a capire come mai mia figlia di quasi 13 mesi non vuole stare con papà, piange disperata e vuole venire da me. E' vero che lo vede poco per via del lavoro, ma lui cerca sempre di farla divertire, ma lei niente si dispera! Mentre invece con i nonni ci sta (forse per forza visto che la lascio per andare al lavoro...). Cosa si può fare per risolvere questo problema? E' una cosa normale? Il mio pediatra dice che è normale, e che fino a tre anni sarà  così poi non vorrà  più "vedermi"... ma a me non convince.

E' possibile che la sua bimba, dal momento che lei lavora, quando è a casa voglia vedere e stare sempre e solo con lei per recuperare il tempo "perso". In questo caso, il papà diventa un ostacolo a questa diade madre-bambina, tanto desiderata dalla sua piccola. A  volte, poi, i papà  non hanno un repertorio di giochi, canzoncine e passatempi ben strutturato!

Per incoraggiarla e permetterle di affezionarsi al papà provate a strutturare dei giochi tutti e tre insieme. Parli alla sua bimba e la esorti con frasi del tipo" che bello papa', sorridete insieme, mostratevi affiatati e scambiatevi teneri baci e abbracci. La sua bimba si sentirà parte di questo dolce trio e comincerà a stare indistintamente tra le sue braccia o tra quelle del papà.

29/8/2011

21/12/2015

I commenti dei lettori

BUON GIORNO MERY 78 SE UN BIMBO NON VUOLE STARE CON UN ADULTO NON BISOGNIA LASCIARLO VUOL DIRE CHE NON LO TRATTA O NON STA BENE CON QUELLA PERSONA E SEMPLICE........!!!!!!!!!!

 

 

CHIARA (BO) 13/06/2012

Cara Chiara...non è proprio vero quello che leidice. Io amo mio figlio più della mia vita, ci gioco e tutto il resto... Lui ha due anni e adora in modo morboso suo padre.... Tanto da preferirlo a me.... Io sono sempre a casa, mentre mi marito lavora e lo vede meno... Penso sia questo il motivo e no che venga trattato male!

Rita (RC) 07/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto
Non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere diversi da soggetto a soggetto.
I fattori predisponenti l'otite media acuta
L'otite media acuta è causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio.
La maestra chiama "spioni" i bambini che non si fanno gli affari propri
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Differenza tra tosse secca e catarrale
Molti sono gli aggettivi con cui si può definire la tosse di un bambino: secca, stizzosa e grassa.
Salvamamme: il numero verde per la gravidanza estrema e il parto anonimo
Il numero verde per la gravidanza estrema e segreta e il parto anonimo 800 283210.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno