ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha i canini che crescono obliqui

Ci hanno consigliato di eliminare i canini di latte per dar spazio ai canini permanenti di scendere. I consigli del dentista.

a cura di: Dott. Gabriele Floria (odontoiatra, protesista dentale e specialista in ortognatodonzia)

Ho una figlia di 9 anni (quasi 10). Dalla panoramica effettuata due mesi orsono è risultato che ha i canini permanenti superiori che crescono obliqui in direzione della radice dell'incisivo vicino. Il nostro medico dentista ci ha consigliato di eliminare i canini di latte per dar spazio ai canini permanenti di scendere. Così abbiamo fatto. A distanza di un mese abbiamo rifatto la radiografia e il medico ha costatato che non ci sono stati miglioramenti e ci ha proposto un intervento. Gradirei avere la vostra opinione in merito. E' sufficiente un mese o due per permettere ai canini di iniziare a scendere? Ci sono altre alternative all'intervento?

Mi è impossibile rispondere senza vedere la radiografia e la paziente. Tuttavia, se la malposizione dei canini è di un certo rilievo, non è sufficiente (ed a volte improduttivo) rimuovere i canini decidui. Talvolta anche il raddrizzamento precoce degli incisivi laterali può causare la mancata eruzione dei canini.

Considerando la giovane età della paziente suggerirei di attendere almeno i normali tempi di eruzione dei canini superiori (11-12 anni) prima di parlare di inclusione e pensare ad un intervento. Nel frattempo è necessario controllare che non vi siano perdite di spazio in arcata che possano pregiudicare il tentativo di recupero chirurgico-ortodontico dei canini.

La valutazione radiografica a distanza di un mese, a mio personale avviso, non è idonea per valutare miglioramenti nella posizione dei canini perché troppo vicina alla precedente e per l'approssimazione che i mezzi radiografici offrono in termini di tecniche, ingrandimenti e riproducibilità. Consiglierei una rivalutazione a non meno di 6 mesi se strettamente necessario, mentre aspetterei i 12 anni se nient'altro complica il caso clinico.

26/6/2000

23/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ferro al neonato
Nel neonato il fabbisogno di ferro è assai elevato a causa della sua rapida crescita in statura e in peso.
Ha 21 mesi e morde gli altri bambini
Ha 21 mesi e spesso, dopo aver baciato un bambino, lo morde. Passerà? I consigli dello psicologo per risolvere la situazione.
Reflusso gastro-esofageo e asma
La prevalenza di RGE in pazienti con asma varia dal 30% all’89% e circa il 40% di bambini con reflusso gastro-esofageo avrebbe sintomi simil-asmatici.
Diabete insipido
Il diabete insipido è dovuto alla mancanza di un ormone, la vasopressina. Si manifesta con l'aumento della quantità di urine e aumento della sete.
La gestosi
La gestosi è una malattia che compare esclusivamente in gravidanza con gonfiore, aumento della pressione, mal di testa e problemi renali.

Quiz della settimana

Che cosa è la melanina?
Una sostanza che favorisce il sonno
Un pigmento colorante che si trova anche nella pelle e nei capelli
Un enzima contenuto nelle mele
Una sostanza tossica per la cute