ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Corioretinite

La corioretinite è un'affezione infiammatoria che interessa contemporaneamente la coroide cioè la membrana vascolare dell'occhio e la retina. Il parere dell'esperto.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

Al mio bambino di 16 mesi è stata diagnosticata una corioretinite colobomatosa all'occhio sinistro, probabilmente da virus (sono stati esclusi il citomegalovirus ed il toxoplasma). Dalle cicatrici sulla retina pare che sia comparsa al secondo mese di gestazione. È utile l'occlusione, rafforza le fibre ottiche rimaste? Questa infezione è come un focolaio? Può fare altri danni oppure no. I pareri di diversi oculisti sono contrastanti.

La corioretinite è un'affezione infiammatoria che interessa contemporaneamente la coroide (cioè la membrana vascolare dell'occhio, posta tra la retina, di cui rappresenta la parte posteriore, e la sclera, la parte della tonaca fibrosa dell'occhio, che ne ricopre il segmento posteriore e si prolunga nella cornea), e la retina. La parola coloboma indica in generale qualsiasi parte malformata o fissurata, ma il termine comunemente si attribuisce ad un difetto di sviluppo dell'occhio e delle sue parti]

Anche per me non è facile esprimere un'opinione. Esiste sicuramente un'ambliopia (incapacità di una visione con entrambi gli occhi, con conseguente soppressione dell'immagine visiva da un occhio), relativa, ovvero una pigrizia che si sovrappone alla malattia, che può e deve esser curata.

Ciò merita però un'attenta valutazione: una lesione molto estesa, che non consente lo sviluppo di un'adeguata vita di relazione (intendo non solo i rapporti con gli altri, ma anche quelli con l'ambiente), non va trattata. Per questo le dico che bisogna esser realisti e che non è possibile esprimere un parere certo senza avere nozione del caso specifico. Una cosa può chiederla al suo oculista: quali sono le possibilità di ottenere un visus utile, sopra i 2/10, nel suo caso.

25/7/2002

11/4/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno