ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Con quali sintomi si manifesta l'influenza

L'influenza ha di solito un esordio brusco e si manifesta con febbre e brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi, marcata spossatezza, mal di gola, raffreddore e tosse.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

L’influenza ha di solito un esordio brusco e si manifesta con febbre e brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi (le cosiddette “ossa rotte”), marcata spossatezza, mal di gola, raffreddore e tosse. A volte coesistono vomito e diarrea. Spesso i sintomi respiratori (come raffreddore, mal di gola e tosse) diventano più evidenti nei giorni immediatamente successivi. Ma in alcuni bambini l’influenza si manifesta come un malattia febbrile con pochi sintomi respiratori. Tipicamente rimane una marcata sensazione di stanchezza o malessere anche per parecchi giorni.

Un elemento caratterizzante dell'influenza è la tracheite, cioè l'infiammazione della trachea (la parte delle vie respiratorie compresa fra la gola e i bronchi); essa causa una tosse secca, molto rumorosa, profonda, con un timbro quasi metallico, spesso definita come "un cane che abbaia" oppure "un suono di corno". La tosse della tracheite si manifesta con attacchi subentranti, che possono portare anche al vomito; un elemento che permette di individuarla è il dolore in mezzo al petto, come un bruciore che si accentua quando il paziente ha accessi continui di tosse. Essa può persistere per molti giorni dopo la fase acuta iniziale e riacutizzarsi a causa di agenti irritanti, quali il fumo.

Oltre alla tosse, il sintomo più frequente e importante è il malessere generale, con uno stato di debolezza, dolori muscolari e mal di testa. La febbre di solito è molto alta e si prolunga per 2 o 3 giorni. Spesso sono presenti la rinite, cioè raffreddore con naso chiuso e secrezione acquosa, la faringite, cioè infiammazione della gola con dolore alla deglutizione e la congiuntivite, con occhi arrossati e lacrimanti. Qualche volta, ma non in maniera costante, sono presenti anche sintomi a carico dell'apparato digerente: vomito (anche in relazione con le crisi di tosse) e diarrea.

I sintomi dell'influenza, presi uno per uno, sono comuni a molte altre malattie virali del periodo invernale. Ciò che rende l'influenza facilmente individuabile è il fatto che coinvolge di solito più persone all'interno della stessa famiglia o dello stesso ambiente lavorativo, soprattutto nel periodo delle feste natalizie o subito dopo.

11/8/2009

22/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Con quali sintomi si manifesta l'influenza"

Influenza
L’influenza è una malattia infettiva acuta dovuta a un virus molto contagioso che interessa l’apparato respiratorio nelle cui cellule.
Vaccino contro l'influenza per via nasale
Un nuovo modo di vaccinare contro l'influenza con uno spray nasale.
Quando non si fa il vaccino contro l'influenza
Poche sono le situazioni in cui è meglio non fare la vaccinazione. I consigli del Pediatra.
Vaccinazione contro l'influenza
Generalmente l'influenza è una malattia lieve, ma se viene contratta da alcune categorie di bambini a rischio si possono avere più facilmente complicanze.
Terapia dell'influenza
Più che curare l'influenza, si alleviano i sintomi.
Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aorta bicuspide
L'aorta bicuspide è una malformazione o meglio una variante minoritaria della normalità: la valvola aortica ha normalmente tre cuspidi.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Rosolia in gravidanza
La rosolia diventa pericolosa durante la gravidanza perché può portare gravi conseguenze al feto.
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo