ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Malassorbimento intestinale

Il malassorbimento intestinale è una situazione in cui l'intestino non è più capace (del tutto o in parte) di assorbire le sostanze nutritive. Questo può avvenire per diverse ragioni.

a cura di: Dott. Gianpaolo De Filippo (endocrinologo pediatra)

Quali sono le cause e da cosa si riconosce il malassorbimento intestinale? Cosa comporta tale malattia in un bambino di 12 mesi? Che esami vengono effettuati per il riscontro della patologia?

Il malassorbimento intestinale, come la parola stessa indica, è una situazione in cui l'intestino non è più capace (del tutto o in parte) di assorbire le sostanze nutritive. Questo può avvenire per diverse ragioni: infiammazioni, infezioni batteriche o virali, intolleranze, allergie o malattie che interessano l'intero organismo. Poiché la stragrande maggioranza degli alimenti viene assorbita proprio a livello dell'intestino tenue (che ha una mucosa disposta in villi e microvilli, per aumentare la superficie utile), il risultato di un malassorbimento intestinale è quello di una carenza alimentare. In un organismo in pieno sviluppo, come è il caso dei bambini, la conseguenza visibile è un rallentamento o addirittura, se la situazione perdura, un arresto della crescita: il bambino che prima cresceva armoniosamente comincia a mettere sempre meno peso, fino addirittura a perderne.

Anche la crescita in altezza ne risente, con un rallentamento e, successivamente, un arresto. Spesso esistono dei segni intestinali, in particolare una diarrea. Attenzione però: benché possa esserne un segno, diarrea non significa necessariamente malassorbimento! La maggior parte delle diarree che vediamo in età pediatrica sono benigne e di rapida risoluzione. Oggi è diventato più raro vedere le situazioni di grossa carenza che venivano osservate nel passato, perché la diagnosi viene posta più rapidamente, e quindi si può correre ai ripari quando la situazione non è ancora drammatica. Gli esami che orientano verso la diagnosi sono in un primo tempo di natura generale, per una valutazione globale dello stato di nutrizione del bambino, poi più specifici, una volta che il pediatra abbia un orientamento più preciso. Ancora una volta sarà il lavoro del pediatra a permettere di individuare una situazione sospetta di malassorbimento intestinale: sorvegliare attentamente la crescita del bambino, valutare il suo peso e la sua altezza in funzione della sua età e, soprattutto, delle misure precedenti (per essere sicuri della "regolarità" della progressione), controllare le sue condizioni generali. La terapia, una volta posta la diagnosi, dipenderà ovviamente dalla malattia alla base di tale situazione.

28/1/2002

4/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Malassorbimento intestinale"

Giardia
La giardiasi è un'infezione intestinale provocata da un protozoo chiamato Giardia Lamblia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta