ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Caserta

Quest'estate la Reggia di Caserta si è fatta più luminosa e tutto il percorso dal Palazzo alla cascata brillava nella notte.

a cura di: Stefania Gonzales

Quest'estate la Reggia di Caserta si è fatta più luminosa e tutto il percorso dal Palazzo alla cascata brillava nella notte. Con settembre si sono spente le luci artificiali, ma il Palazzo Reale, capolavoro di Vanvitelli e uno dei più begli edifici storici d'Italia, continua a brillare di luce propria. 
Le origini della Reggia risalgono a Carlo di Borbone, Re delle Due Sicilie e al suo desiderio di "riorganizzazione militare e amministrativa del regno". Allo scopo voleva realizzare una reggia che avesse l'eleganza e lo splendore di Versailles, un palazzo moderno che celebrasse i fasti dei Borboni. E che diventasse il centro amministrativo di una città, che sarebbe diventata la nuova capitale del regno. Venne chiamato Luigi Vanvitelli, architetto napoletano all'epoca impegnato nei lavori per il Giubileo del 1750. Il 20 gennaio 1752 veniva posata la prima pietra della Reggia. Sette anni dopo Carlo doveva trasferirsi a Madrid, al trono di Spagna, mentre Vanvitelli moriva nel 1773 lasciando il monumento incompiuto. Solo nel 1847, con la Sala del Trono, la Reggia poteva dirsi finalmente compiuta. 
I materiali utilizzati erano tutti stati accuratamente pensati e scelti: il tufo veniva da San Nicola La Strada, il travertino da Bellona, la calce da San Leucio, il laterizio da Capua, e via dicendo.
E un notevole contributo lo diedero anche Carlo di Borbone e Maria Amalia di Sassonia, che verificarono personalmente con l'architetto i perimetri delle fondamenta, i tracciati dei viali, le piante e i fiori per il parco e il giardino. La regina, inoltre, scelse le stoffe e i decori. 
La città tracciata da Vanvitelli prevedeva le vie, i collegamenti e il Gran Viale (oggi Carlo III) tra Napoli e la Reggia a collegare la nuova capitale con la metropoli passando per il Palazzo Reale. 
A pianta rettangolare, il Palazzo Reale ha 1200 stanze: solo 134 destinate ai Reali e tutte le altre ai militari, al personale di servizio e a quell'amministrazione che doveva essere il cuore della nuova città. Inoltre, c'erano il giardino e il parco, la cappella e il teatro. L'esatta riproduzione, in piccolo, del San Carlo di Napoli. 
In questi giorni alla Reggia si può visitare la mostra "Il tempo reale. Gli orologi della Reggia di Caserta", con una serie di preziosi orologi borbonici restaurati "in diretta" ed esposti al pubblico. Carillons musicali e ballerinette danzanti, che dovevano intrattenere i reali borbonici, affascineranno voi e i vostri bambini fino alla fine di ottobre.

Notizie utili: La Reggia è in via Douhet, 2/a - Caserta. Gli appartamenti storici si possono visitare dalle 9 alle 19.30; il parco e il giardino dalle 9 alle 18.30 (lunedì chiuso). Biglietti: 8/12mila lire visita al giardino e al parco (in inverno chiuso), appartamenti storici, Museo dell'Opera. Per informazioni, tel. 0823.277.111. La mostra degli orologi si può visitare tutti i giorni, 9-20; chiuso lunedì www.reggiadicaserta.org

Come andare. Raggiungete la Reggia con l'autostrada A1 uscita Caserta Nord: di qui seguite per Caserta centro.

Dove mangiare

Antica Locanda, piazza della Seta - San Leucio (Ce), tel. 0823.305.444. Mangiare all'Antica Locanda significa visitare un'altra opera di classe vanvitelliana: San Leucio, a nord-est di Caserta, con il Palazzo del Belvedere, il Quartiere San Ferdinando IV di Borbone, che dal 1789 ospita gli opifici per la produzione di preziosi broccati. All'Antica Locanda si gusta la cucina locale dei rigatoni con mozzarella, basilico e pachino, la costoletta di maiale o la salsiccia: questa magari la riserviamo ai genitori, insieme ai babà e alla pastiera pasquale.
Chiuso domenica sera e lunedì. Prezzi: 35/40mila lire. 

Dove dormire

Al Baby (via Verdi 41/43, tel. 0823.328.311, fax 442.283), due stelle aperto tutto l'anno. Prezzi: 85/110mila lire la camera doppia; i bambini fino ai due anni non pagano

22/7/2002

22/7/2002

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte