ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Viaggia con noi

la tua vacanza felice con MAMMAePAPA.it

Napoli - Città della scienza

Il Museo Vivo della Scienza di Napoli è la prova tangibile che la scienza può anche essere divertente.

a cura di: Stefania Gonzales

Inaugurato ufficialmente lo scorso novembre alla presenza del presidente Ciampi, il Museo Vivo della Scienza di Napoli è la prova tangibile che la scienza può anche essere divertente. I 12mila metri quadrati di capannone a Coroglio, spiaggia dell'ex Italsider, accolgono più di 200 "exhibit", installazioni interattive che spiegano i fenomeni naturali, e l'Officina dei piccoli, il primo Museo dei Bambini al mondo realizzato con il loro diretto contributo.

Divisa in due parti, una per bimbi da zero a tre anni e una per i più grandi, l'Officina ha come tema i cinque sensi. Nella scatola sonora, un muro trasparente emette suoni: schiacciando dei pulsanti, vi potrete trovare ad assistere a una partita di pallone, a un concerto, in un bosco, su una spiaggia. Più avanti, l'albero sonoro racconta storie di alberi, animali, principi, gnomi e fate. Posata tra i suoi rami, la casetta della lettura aspetta i bambini con tanti libri da sfogliare, giochi e fiabe da inventare. Una volta ridiscesi, il gioco della scoperta ricomincia: con la matassa degli odori, i mobili a sorpresa, i periscopi. Nel tunnel dei sogni vi inoltrerete in un universo magico di specchi deformanti, lenti, luci colorate, pareti morbide, oggetti che suonano. E, ancora, un battello trasformista vi aspetterà per condurvi verso altre avventure. La città della scienza ospita, poi, il più grande Planetario del sud Italia e vari Laboratori della Creatività, che coinvolgono più esplicitamente i bambini per far loro capire i fenomeni attraverso l'esperienza diretta.

Nella Palestra della scienza si vive in prima persona l'avventura dell'indagine scientifica. Si potrà scoprire la forza del vuoto arrampicandosi su un piano inclinato con le ventose, generare fulmini e ammirare i cambiamenti della luce e dei colori. Passeggiando per le isole tematiche i bambini troveranno gli strumenti con cui riprodurre fenomeni naturali di ogni tipo e una parete attrezzata li aiuterà a ripercorrere il cammino della ricerca scientifica con informazioni storiche, modelli matematici e supporti grafici, multimediali o audiovisivi. Infine, ecco le Diciannove porte della conoscenza, opera in acciaio che l'artista israeliano Dani Karavan ha costruito per guidare i bambini in un ideale percorso dei saperi dell'uomo, che collega la grande piazza di Città della Scienza con le strade di Napoli. E le mostre temporanee: fino al 17 marzo c'è Gnam, Mostra interattiva sull'educazione alimentare, mentre fino al 24 febbraio c'è PackAge, che rivaluta l'imballaggio valorizzandolo in quanto prodotto della tecnologia. Notizie utili. Città della Scienza, via Coroglio 156. Orario: fino al 15 giugno, dal martedì al sabato, 9-17; domenica 10-19. Chiuso il lunedì. Biglietti: intero 7 € (13.550 lire), ridotto 6 € (11.600 lire) fino a 18 anni. Planetario 1,5 € su prenotazione. Ingresso gratuito per bambini fino a 3 anni. Internet: www.cittadellascienza.it/

Come andare.

In auto, uscire ai caselli di Napoli Fuorigrotta o Agnano, quindi seguire le indicazioni per Bagnoli e per la Città della Scienza. Con la Metropolitana FS scendere alla fermata Cavalleggeri d'Aosta, quindi procedere a piedi per circa 1500 metri o con i bus C9 o C10. Con la Cumana scendere alla fermata Bagnoli, quindi procedere a piedi per circa 700 metri o con il bus C9.

Dove mangiare

Al bar caffetteria della Città della Scienza si può fare la prima colazione, rapidi spuntini da consumare in uno spazio confortevole e raffinato. Inoltre è possibile prenotare sacchetti-lunch con panino, bibite e frutta. Il bar osserva gli orari del Science Centre.

Dove dormire

A Bacoli, l'Hotel Miseno è un accogliente due stelle che si affaccia sul porticciolo di Case Vecchie. Le camere sono semplici, pulite: chiedete quelle con terrazzino sul mare. Aperto tutto l'anno. Prezzi: 46,48/ 51,65 € (90/100mila lire) la camera doppia. Informazioni: via Miseno, 127, Bacoli (Na), tel. 081.152.350.00, e-mail: hotel.miseno@hotelmiseno.com.

12/4/2002

12/4/2002

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta