Il giudizio dei pediatri e dei nutrizionisti e' unanime: per un bambino appena nato NON ESISTE ALIMENTO MIGLIORE del latte materno, non solo perche' contiene tutte le sostanze essenziali per un ottimale accrescimento staturo-ponderale, ma anche perche' assicura importanti fattori protettivi che sono in grado di influire positivamente sulla sua salute futura.

Passiamo ora in rassegna tutti i vantaggi che derivano dall'allattamento al seno, sia per quanto riguarda il bambino e sia per cio' che concerne la mamma:

  • Il latte materno e' facilmente digeribile: il contenuto di proteine e' basso, con un rapporto ottimale tra i due costituenti proteici principali, la caseina e le sieroproteine, e questo si traduce in una più facile digeribilita' gastrica. Contiene inoltre particolari enzimi, le lipasi (che alla nascita il neonato possiede in quantita' molto limitate), sostanze in grado di disgregare i grassi e di "predigerirli" prima del loro arrivo nello stomaco.
  • Protegge dalle infezioni: nel latte materno ci sono anticorpi che la mamma passa al figlio e che lo proteggono da malattie. Si tratta soprattutto di immunoglobuline IgA, sostanze di difesa che vanno a rivestire le pareti dell'intestino, difendendolo dall'aggressione di germi e virus e dalla penetrazione di sostanze "estranee" che potrebbero contribuire allo scatenamento di reazioni allergiche. Contiene la lattoferrina (una proteina che lega il ferro) ed il lisozima (un enzima dotato di attivita' antibatterica), capaci di stimolare il sistema di difesa dell'organismo. Possiede inoltre alcune sostanze, chiamate fattori bifidogeni, che favoriscono la crescita di un batterio "buono", il Lactobacillus bifidus, che antagonizza a livello intestinale lo sviluppo di germi potenzialmente patogeni.
  • E' prontamente disponibile alla temperatura giusta e non richiede alcuna preparazione: non ci si deve preoccupare di riscaldare il biberon quando il bambino ha fame, oppure di mantenere il latte caldo o freddo quando si e' fuori casa e, cosa ancora piu' importante, di notte una mamma puo' allattare suo figlio stando a letto, evitando cosi' di alzarsi e di stancarsi.
  • Si tratta di latte fresco (il seno materno non e' infatti una riserva di latte, come per esempio lo e' la mammella della mucca, e produce percio' latte solo "a richiesta") e sterile, che riduce la possibile comparsa di disturbi gastrointestinali tipici del lattante: rigurgiti, stitichezza, coliche gassose sono infatti meno frequenti che nei bambini allattati con latte artificiale.
  • E' completamente gratuito.
  • E', come abbiamo gia' visto, un fattore di protezione nei confronti delle allergie, in particolare quando esiste una familiarita' per malattie allergiche (dermatite atopica, rinite e/o congiuntivite allergica, asma) nel padre, nella madre e/o nei fratelli o sorelle.
  • E' in grado di fornire tutto cio' di cui il neonato necessita dal punto di vista nutrizionale (grassi, zuccheri, proteine ecc), con la sola eccezione, forse, del fluoro e della vitamina D. Non contiene eccessive quantita' di minerali come il sodio, cloro e potassio, cosi' da non affaticare troppo i reni ancora immaturi del bebe'. Si adegua alle esigenze ed alle necessita' di crescita del lattante modificando nel tempo la sua composizione.
  • Serve anche alla mamma: nel periodo immediatamente successivo al parto, il lattante, quando poppa, stimola le contrazioni uterine evitando che la madre abbia grosse perdite di sangue e aiutando l'utero a tornare piu' rapidamente alle dimensioni originarie. Inoltre e' dimostrato da numerosi studi che un allattamento materno protratto riduce il rischio di insorgenza di tumore al seno e, nell'età della vecchiaia, di osteoporosi. Da non dimenticare poi che l'allattamento al seno, comportando un notevole dispendio energetico, facilita la perdita dei chili in eccesso accumulati durante al gravidanza.
  • Non trascurabili, infine, sono i vantaggi psicologici sia per la madre che per il bambino. La mamma viene personalmente coinvolta nella nutrizione del suo piccolino, ricavandone la piacevole sensazione di sentirsi indispensabile e realizzata; il lattante gode di un'intima e confortevole relazione fisica con la madre.

Altro su: "Vantaggi e benefici della produzione del latte materno"

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Può allattare una portatrice sana di epatite B?
L'allattamento al seno non è controindicato se la mamma è una portatrice sano di epatite B.
Allattamento al seno: quale alimentazione deve seguire la mamma
Durante l'allattamento al seno, la mamma deve seguire una alimentazione ben bilanciata con presenza equilibrata di tutti i nutrienti.
Integrazione del latte materno
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Allattamento al seno: quanto latte deve mangiare?
Allattamento al seno: non si possono dare valori validi per tutti i bambini. La cosa migliore da fare è verificare la crescita settimanale della neonato.
Allattamento e miopia
Allattamento è consentito anche in caso di forte miopia. Il parere dell'oculista.