Desidererei avere delle informazioni chiare riguardo la cura del pene dei neonati poiché ho riscontrato la presenza di diversi pareri da parte dei pediatri e nelle diverse riviste specializzate. E' opportuno, come sostiene la pediatra del mio bimbo (e come fa ogni volta che lo porto) tirare la pelle del pene affinché si apra poco per volta o questa manovra non è assolutamente necessaria o addirittura dannosa per la possibilità di cicatrici? Nell'ultima visita, a sei mesi, la pediatra ha ripetuto la manovra e per tre giorni mio figlio ha avuto la punta del pene arrossata e lievi perdite ematiche. Ringrazio se mi farete un po' di chiarezza in merito.

Si parla di fimosi quando il prepuzio (quell’anello di pelle che ricopre la parte terminale del pene, detta anche glande) non è sufficientemente ampio per permettere lo scoprimento del glande stesso. Alla nascita e nei primi anni di vita è considerata una condizione normale e le aderenze che si formano tra il prepuzio ed il glande, dette aderenze balano-prepuziali, fanno sì che la punta del pisellino sia quasi del tutto nascosta, impedendo o rendendo difficoltoso lo scorrimento del glande.

Per effetto di queste fisiologiche aderenze il prepuzio resta fissato alla punta del pene in almeno un quinto dei maschietti anche dopo i primi due anni di vita e si libera soltanto negli anni successivi, di solito prima dell’età scolare.

Non è mai necessario anticipare questa evoluzione naturale, anzi manovre di scoprimento forzato del glande troppo brusche, oltre a essere intensamente dolorose e traumatiche per il bambino, possono provocare vere e proprie lacerazioni spesso sanguinanti che, cicatrizzandosi, restringono ancora di più l’apertura poiché inducono una reazione fibrosa locale. Come conseguenza spesso è necessario un intervento chirurgico per risolvere una fimosi cicatriziale da sbrigliamento delle aderenze In alcuni casi poi la manovra di scoprimento della punta del pene può provocare la cosiddetta parafimosi: in altre parole la pelle del prepuzio tirata indietro stringe ad anello intorno al glande e non è più possibile riportarla in avanti per cui il pene, come strozzato dall’anello prepuziale, si arrossa intensamente e si gonfia provocando intenso dolore e rendendo necessario un intervento al pronto soccorso.

Concludendo è opportuno, soprattutto nel primo anno di vita, non eseguire alcuna manovra traumatica per risolvere la fimosi che, come abbiamo visto, è perfettamente fisiologica e destinata a risolversi spontaneamente nel tempo. E’ consigliabile mantenere un’adeguata igiene del prepuzio e del glande lavando i genitali tutti i giorni, eventualmente tirando indietro con molta delicatezza la pelle del prepuzio ma fermandosi immediatamente se si incontra resistenza o se il bambino mostra segni di fastidio.

Altro su: "Bisogna tirare indietro la pelle del pisellino?"

Recurvatum penis
Una deviazione congenita del pene detta anche malattia di La Peyronie.
Circoncisione
Ci sono controindicazioni alla circoncisione? I rischi connessi alla circoncisione sono numerosi.
Si tocca il pisellino in pubblico
Nostro figlio di quattro anni si tocca il pisellino in pubblico. Come ci si comporta. I consigli dell'esperto.
Pene che non cresce
A nostro figlio non sembra svilupparsi il pene. Le sue dimensioni sembrano invariate dalla nascita.
Si tocca il pisellino
Toccarsi il pisellino è un gesto spontaneo molto frequente nei bambini. Ma i genitori reagiscono spesso con imbarazzo.
Intervento chirurgico per fimosi
Per la fimosi vera e propria l'intervento chirurgico consiste nell'eseguire una "plastica" per allargare la parte ristretta.