Mio figlio di quasi cinque anni è fortemente allergico alle punture di zanzara. Un pizzico sulla guancia, ad esempio, gli provoca un gonfiore vistoso e diffuso fino alla palpebra e una vescicola che poi scoppia e suppura fino a seccarsi. Il tutto dura 4-5 giorni e provoca notevoli inconvenienti. A parte le ovvie precauzioni per prevenire le punture, mi hanno detto che non è possibile tentare una cura di desensibilizzazione. La mia domanda è: potrà questa allergia attenuarsi con la crescita e, inoltre, come comportarsi nel caso fosse punto da un'ape o da una vespa? È da temersi necessariamente una reazione molto forte?

L'allergia alle punture di zanzare è determinata da un'ipersensibilità alla saliva, con la quale gli insetti lubrificano il loro apparato di suzione. Tale anomalia è fastidiosa, ma non pericolosa.
Dura alcuni anni
, dopodiché tende a ridursi in intensità, verificandosi una desensibilizzazione naturale causata dalle stesse punture ripetute nel tempo. Non vi è alcun pericolo di reattività crociata con il veleno degli imenotteri (api, vespe ecc.).
La terapia è caratterizzata dall'uso di repellenti per evitare le punture e dagli antiistaminici per ridurre sintomi fastidiosi, quali il prurito e l'edema sottocutaneo.

Altro su: "Allergia di un bambino alle punture di zanzara"

La puntura di zanzara nei bambini
La puntura di zanzara provoca delle autentiche vescicole. In caso di forte dolore o prurito è da prescrivere una terapia cortisonica.
Zanzare
I consigli del nostro esperto su come difendere i nostri bambini dalle zanzare. Come proteggere i bambini piccoli sia in casa che all'aperto.
Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
Allergia alle punture dell'ape
Il test per le allergie alle punture dell'ape esiste ed è un esame da praticare su prelievo ematico.