L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Viaggiare in gravidanza: aereo

Viaggiare in aereo in gravidanza non è necessariamente pericoloso. Dipende dalla settimana di gravidanza. È consigliabile non rimanere seduti troppo a lungo immobili.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia moglie si troverà ad inizio giugno nella 25° settimana di gravidanza. Abbiamo vinto, per quel periodo, un viaggio aereo in Svezia e quindi vorrei cortesemente sapere se esistono delle controindicazioni per un viaggio del genere ed eventualmente quali precauzioni prendere.

Viaggiare in aereo durante la gravidanza non presenta particolari pericoli. È consigliabile non rimanere seduti troppo a lungo immobili: ogni due ore circa è opportuno alzarsi e camminare per alcuni minuti poiché stare seduti per troppo tempo riduce la circolazione del sangue nella regione pelvica. Sull’aereo è utile bere in abbondanza perché il microclima della cabina è secco e favorisce la disidratazione.

Alcune compagnie aeree richiedono, dopo la 25° settimana di gestazione, una dichiarazione del proprio ostetrico per autorizzare il viaggio. Il volo in aereo comporta un aumentato rischio di malattia tromboembolica. È in genere sconsigliato se la gestante ha una pressione alta o se c’è stata una minaccia di aborto nella prima parte della gravidanza perché un cambiamento brusco di altitudine potrebbe indurre il travaglio.