Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha ingoiato la punta di un fiammifero

Mia figlia di due anni ha mangiato la punta di un fiammifero di quelli tradizionali. Le miscele dei fiammiferi non contengono sostanze che provocano avvelenamenti.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Mia figlia di due anni ha mangiato la punta di un fiammifero di quelli tradizionali; lamentava poi mal di pancia. Può esserci un nesso e può essere pericoloso lo zolfo del fiammifero?

Cara Signore, dalla sua descrizione sommaria penso di poterla tranquillizzare in quanto le miscele di accensione dei fiammiferi da molti anni non contengono sostanze in quantità tali da provocare avvelenamenti o stati di intossicazione. Pertanto penso che il mal di pancia successivo non sia da mettere in relazione all'ingestione della capocchia del fiammifero. Per quanto mi risulta attualmente lo zolfo è contenuto soltanto nei fiammiferi definiti "antivento" che sono commercializzati per usi speciali e pertanto non di uso domestico.

Altro su: "Ha ingoiato la punta di un fiammifero"

Gli avvelenamenti domestici
Le sostanze potenzial­mente pericolose che si trovano in una casa sono tante. Vediamo alcuni ac­corgimenti per evitare gli avvelenamenti domestici accidentali.
Piante pericolose
Il mio bambino di un anno tocca tutto. Le piante domestiche pericolose.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.