ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Letture in famiglia

l'esperienza dei grandi ci parla

Giovenale

Giovenale dice che in famiglia conta soprattutto l'esempio...

Poche e incerte sono le notizie riguardanti la vita di Giovenale, anche perché le sue satire, a differenza di quelle di Orazio, non sono ricche di riferimenti personali. Secondo la bibliografia più antica, Decimo Giunio Giovenale nacque ad Aquino tra il 50 e il 60. Trasferitosi in età giovanile a Roma, vi studiò retorica ed esercitò più tardi l'attività di declamatore e quella di avvocato, ma con scarsi successi, tanto che Marziale ce lo ricorda nella triste ed umile condizione di cliente, alla quale fa esplicito riferimento il poeta stesso nella quinta satira.

Della sua vita non si sa più nulla, tranne che cominciò a scrivere satire dopo i quarant'anni. Sedici sono le satire di Giovenale, suddivise in cinque libri in ordine cronologico, pubblicate dopo la morte di Domiziano (96 d.C.), durante i tempi felici di Nerva e di Traiano, che permisero libertà di parola e di stampa. Il loro carattere peculiare è l' indignatio ("Si natura negat, facit indignatio versum", sat.I): lo sdegno e la collera contro tutto ciò che ai suoi occhi appariva corrotto, vizioso, iniquo, contro il lusso e le depravazioni, contro i soprusi che i potenti esercitano sui deboli e sui poveri, contro i disonesti e gli imbroglioni. Del resto l'epoca sua gli offriva gli esempi più svariati di vizi: "Et quando uberior vitiorum copia?" (sat. I),"Quando mai ci fu una così grande abbondanza di vizi?". E secondo l'autore sono stati i Greci e gli orientali a introdurre a Roma il lusso e le ricchezze che corrompono gli animi e apportano ogni malanno, ricordando in questo le teorie di Catone il Censore.

La prima satira ha carattere proemiale: in una società sedotta dal vizio e dal malcostume "Difficile est saturam non scribere", anche se molto pericoloso, per cui Giovenale preferisce rivolgersi ai morti piuttosto che ai vivi. Nelle altre satire i temi sono vari:

  • contro gli immorali ipocriti (II),
  • contro i disonesti e gli arrivisti (III),
  • contro gli adulatori (IV),
  • sulla penosa condizione dei clienti,
  • costretti ad umiliarsi per avere in cambio la sportula (V),
  • contro le donne,
  • sempre più corrotte come Messalina (VI),
  • sulla condizione dei poeti, sempre squattrinati e mai gratificati (VII),
  • sulla dignità della persona,
  • che prescinde dalla nascita (VIII),
  • sulla ripugnanza dei ricchi avari ed effeminati (IX),
  • su quali siano i veri bisogni dell'uomo e cosa occorra chiedere agli dei: "Orandum est ut sit mens sana in corpore sano" (X),
  • contro chi vive per soddisfare il peccato della gola (XI),
  • contro chi finge di essere devoto verso gli dei,
  • ma poi farebbe qualsiasi cosa per una eredità (XII),
  • contro i truffatori (XIII),
  • contro gli uomini, a volte più violenti delle bestie ( XV ),
  • contro i privilegi accordati ai militari ( XVI incompleta).

La quattordicesima satira è quella pedagogica, che sviluppa il tema della educazione dei figli; Giovenale dice che in famiglia conta soprattutto l'esempio e osserva che la crisi dell'educazione dei ragazzi in parte va attribuita alla mancanza di buoni esempi. Nil dictu foedum visuque haec limina tangat, intra quae pater est; procul, a procul inde puellae lenonum et cantus pernoctantis parasiti. Maxima debetur puero reverentia. (vv. 44 sgg.) (Nulla che sia turpe a dirsi e a vedersi tocchi queste soglie, dentro le quali c'è un padre: lontano da qui, si lontano le giovani disoneste, e il canto del parassita che di notte fa giorno! Il più grande rispetto è dovuto al fanciullo.).

La satira di Giovenale è, dunque, amareggiata, risentita, mossa dalla rabbia dell'uomo e non del politico che ricerca delle soluzioni, e proprio per questo è satira sociale e non politica; a differenza di quella oraziana che, pur affrontando tematiche connesse con la realtà quotidiana, non perde mai il suo carattere pacato e sorridente e il suo linguaggio umile e familiare ("sermones", le definì Orazio), la satira di Giovenale, volendo rappresentare una realtà eccezionalmente corrotta, tende ad accostarsi ai toni patetici della tragedia e adotta un linguaggio "alto", uno stile che predilige immagini iperboliche, espressioni poco frequenti, vocaboli non comuni.

SENTENZE LATINE Ad utilitatem vitae omnia consilia factaque nostra dirigenda sunt. (Cicerone, De orat., 5) Ad utile della vita (nostra e dei nostri simili), noi dobbiamo convergere i nostri pensieri e le nostre opere. Non pudeat quae nescieris, te velle doceri; scire aliquid laus est, culpa est nil discere velle. (Catone, Dist., 4, 29) Non vergognarti di voler imparare le cose che non sai, poiché è degno di lode il saper qualche cosa, ed è vergogna il non voler saper nulla. Nati sumus ad congregationem hominum et ad societatem communitatemque generis humani. (Cfr. Cicerone, De fin. Bon., 4, 4) Il genere umano è nato con l'istinto della unione, dell'associazione e della comunanza. Nulla me res delectabit, licet sit eximia et salutaris, quam mihi uni sciturus sum. (Cfr. Seneca, Epist., 6, 4) Nessuna cosa mi può dilettare, sia pur egregia e salutare, se è a me solo nota.

Homo sum: humani nihil a me alienum puto. (Terenzio, Heaut., 77) Sono un uomo, e, per conseguenza, obbligato a tutti i doveri della umanità. Vigilando, agendo, bene consulendo, prospera omnia cedunt. (Sallustio, Iug., 84) Vigilando, operando e meditando, tutte le cose prosperano. Vita sine proposito vaga est. (Seneca, Lett. A Lucilio, 95,46) La vita, senza una meta, è vagabondaggio. Quae optima sunt, esse communia. (Seneca, Lett. A Lucilio, 12, 11) Le idee belle e vere appartengono a tutti.

29/9/2009

29/9/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quanto latte deve mangiare dalla mamma?
Allattamento al seno: non si possono dare valori validi per tutti i bambini. La cosa migliore da fare è verificare la crescita settimanale della neonato.
Frenulo linguale corto
Il frenulo linguale è un setto membranoso che si trova nella parte inferiore della lingua e la collega alla base della bocca. Se è corto, dovrà essere operato.
I bambini che dicono le parolacce
I bambini dicono le parolacce per imitazione degli adulti o per attirare l'attenzione. Cosa fare, come comportarsi? I consigli del Pediatra.
Rachitismo e vitamina D
Perché si danno le gocce di vitamina D dalla nascita? Servono ad evitare il rachitismo nei bambini.
Sindrome di Wolf-Parkinson-White
La Sindrome di Wolf-Parkinson-White è una forma di aritmia del cuore.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta