ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Stitichezza in gravidanza

La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione. I consigli per alleviare questo disturbo.

a cura di: Dott.ssa Orietta Scattolin (pediatra)

La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci (che diventeranno dure e compatte) sia il loro ritmo di emissione. La causa è la compressione meccanica dell'utero gravidico sulle anse intestinali ed anche la riduzione dei movimenti intestinali (peristalsi intestinale), dovuta al fatto che il progesterone riduce il tono della muscolatura intestinale.

La stitichezza va affrontata modificando un po' la propria alimentazione, soprattutto cercando di aumentare nella dieta la quantità di cibi ricchi di fibre (alimenti integrali, come pane, pasta, crackers e biscotti integrali) e di frutta e verdura che abbiano una funzione lassativa .

E' importante inoltre che nel corso della propria giornata sia sempre presente una dose di attività fisica (soprattutto camminare a piedi). E' invece sbagliato ricorrere a preparati lassativi, che hanno un' azione irritante sulla parete intestinale.

Se la stitichezza è persistente si può avere come conseguenza la formazione di emorroidi. Esse consistono nella dilatazione delle vene dell' ultima parte dell' intestino: possono rimanere interne o fuoriuscire dall'ano, provocando disturbi fastidiosi (prurito, bruciore, dolore e, a volte, anche sanguinamento). Alla loro insorgenza concorrono i suddetti fattori alimentari e di pressione esercitata dall' utero nell' intestino. Bisogna cercare di contenere l'entità con i soliti accorgimenti (movimento e dieta ricca di fibre), anche perchè possono peggiorare dopo il parto a causa degli sforzi eccessivi della donna.

20/2/2010

19/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stitichezza in gravidanza"

Stitichezza in gravidanza
La stitichezza, disturbo frequente tra le donne, può peggiorare in gravidanza.
Occlusione intestinale alla nascita
Neonato che non riesce a scaricarsi. I consigli del pediatra.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
La stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un problema comune in gravidanza. I consigli per risolvere o per attenuare il problema.
Supposte per la stitichezza
Utilizzare supposte di glicerina o l'ampolla del termometro per stimolare l'ano può essere utile sporadicamente. Non può diventare una pratica abitudinaria.
Stitichezza a sei mesi
Da quando mio figlio ha iniziato lo svezzamento soffre di stitichezza. Quali consigli mi potete dare?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte