ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno: è nutriente il mio latte?

Uno dei timori più diffusi nelle mamme è di sapere se il proprio latte è più o meno nutriente. Il controllo settimanale del peso è l'unico parametro da verificare.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Emma ha venticinque giorni e viene esclusivamente allattata dalla mamma. Non abbiamo stabilito orario e durata delle poppate ma ci rimettiamo alla richiesta della bimba. A volte le poppate si alternano a distanza di 2-3 ore (durano 10-15 minuti) mentre altre volte si protraggono con brevi interruzioni per alcune ore. Sembra che Emma non sia mai sazia, e piange disperata se non le viene offerto il seno anche se ha appena finito di poppare. Solo in alcuni casi dopo essersi attaccata rifiuta il seno perché è sazia, ma continua subito dopo a richiederlo (volevamo farla attaccare ad un seno vuoto ma sono sempre pieni e lei rifiuta il ciuccio). La crescita é regolare (dalla dimissione dell'ospedale é cresciuta di 530 g nelle prime due settimane). Il dubbio é se il latte sia sufficientemente sostanzioso visto che deve prendere in grande quantità. Come é possibile verificarlo?

Quando un lattante viene alimentato al seno, è opportuno non seguire orari rigidi per le poppate, ma è consigliabile alimentare il bambino quando questi dimostra di essere affamato, secondo una modalità di allattamento materno che viene detta "a richiesta". Ma allattare a richiesta non significa una completa anarchia: vanno comunque rispettate alcune regole di comportamento, dettate dall’esperienza e dal buon senso.

Ad esempio, ad eccezione dei primi 10-15 giorni di vita, quando la produzione di latte non si è ancora regolarizzata, è consigliabile avere orari abbastanza elastici, ma con un intervallo di almeno due ore tra un pasto e l’altro per non rischiare di dare al piccolo abitudini che alla lunga possono essere pesanti da sopportare da parte della madre. l piccolo inoltre non va mai svegliato per farlo mangiare anche se sta dormendo da 5-6 ore di seguito.

Uno dei timori più diffusi nelle mamme è di sapere se il proprio latte è più o meno nutriente. L’ansia legata alla responsabilità di essere l’unica fonte di nutrimento del proprio bambino spinge qualche volta la madre a far analizzare il proprio latte.

Tale esame non è di alcuna utilità perché la composizione del latte materno è estremamente variabile. Infatti il latte si modifica durante la stessa poppata per cui è più liquido all’inizio (quando è costituito soprattutto da acqua e zucchero), arricchendosi successivamente di proteine per poi diventare più denso verso la fine della poppata, quando aumenta notevolmente la concentrazione dei grassi che sono quelli che favoriscono il senso di sazietà del lattante.

Il latte materno inoltre è diverso nelle varie ore della giornata per cui, ad esempio, al mattino ha un contenuto di grassi più elevato rispetto al resto della giornata. Il campione di latte inviato in laboratorio non fornisce di conseguenza alcuna informazione necessaria per giudicare la qualità del latte. Il latte materno, se la mamma ha un’alimentazione ben bilanciata con presenza equilibrata di lipidi, proteine e glucidi, è sicuramente completo dal punto di vista qualitativo.

La quantità di latte per pasto, così come la durata stessa del pasto, non hanno quindi particolare interesse. L’unico parametro per giudicare se il latte della mamma è sufficiente alle esigenze nutrizionali del suo piccolo è il controllo settimanale del peso che, nel caso in questione, ha dimostrato un accrescimento ponderale ottimale.

1/6/1998

19/8/2016

I commenti dei lettori

Mi sà che in giro per l'Italia ci sono tanti reparti maternità che sono poco in grado di trasmettere informazioni utili alle neo-mamme. Vi espongo quello che è stato detto a me: il bambino allattato al seno deve ciucciare tutte le volte che vuole per quanto tempo vuole; il ciuccio non va mai dato perché nessuno può sapere se il bimbo in quel momento vuole ciucciare per fame, per sete o per coccole e comunque alla lunga rovina la bocca del piccolo; se l'allattamento al seno è esclusivo e a richiesta la quantità e la qualità saranno sempre perfetti. Penso che negare la tetta a una bimba così piccola sia una violenza, non ci sono servizi da fare in casa o lavori che tengano, bisogna essere mamme al 100 per 100, a tutto il resto ci penseranno gli altri oppure aspetterà. La mia piccolina ha 12 mesi, ha passato i primi mesi di vita continuamente attaccata alla tetta, mangiava e si scaricava e dormiva sempre con la tetta in bocca; ognuno ha i suoi tempi e le sue esigenze e penso sia giusto rispettarle. Sto allattando ancora, ovviamente me la chiede molto meno spesso perché ora cammina, gioca, balla, parlotta e ispeziona ogni angolo, insomma ha ben altro da fare.

Ester (MI) 23/08/2011

Il mio bambino è nato a otto mesi e grazie al Signore era ed è perfetto,pesava 3,080kg. Inizialmente ciucciava ma io probabilmente producevo poco e un pediatra dell'ospedale era stata molto brava a mettermi tante paranoie ma dopo essere tornata a casa tutto si è sistemato..Enrico ha due mesi e mezzo e pesa già sei chili. Ovviamente ogni medico ha la sua teoria e sono tutte molto discutibili.. Dall'ospedale mi avevano detto di dargli l'aggiunta dopo la poppata e così ho sprecato tanti litri di latte. avevo chiesto consiglio al suo pediatra per i tempi di poppata perchè rimaneva attaccato al seno anche 3/4 d'ora e dopo un'ora piangeva nuovamente e lui mi aveva risposto che doveva stare 10 minuti per seno e basta perchè dopo non ciucciava più ma lo usava come ciuccio. Ovviamente ad Enrico non bastava e dopo 20 minuti piangeva per la fame,perchè comunque continuava a succhiare non a ciucciare perciò ho mollato quella teoria e l'ho lasciato attaccato quanto voleva. Sa lui quando è sazio e si stacca da solo

ophelia (CA) 18/11/2011

ciao sono anna mamma di una bambina di tre mesi, la mia cucciola è nata 3050, il primo bilancio aveva preso 740g quindi abbastanza poi settimana successiva solo 100 poi stava sui 120 a settimana quest'ultimo mese però ha preso pochissimo a mio parere, sui 400g con settimane che variavano dai 100 anche ai 40 alla settimana. il pediatra mi ha detto che cresce bene. Il mio dubbio no ne tanto se ilo mio latte è buono ma è se è normale che la mia bimba si attacchi poco è mangi 10 al massimo, non piange che a fame e la sera mi dorme tutta la notte fino al mattino tardi senza richiedere poppata. per il resto è una bimba attivissima e sveglissima. .

anna (TO) 22/06/2012

il dilemma del latte al seno.............ne so qualcosa,la mia sarha è nata kg 3220.,dopo il calo kg 3060 dopo 5 giorni kg 3550 da nn credere!!!!!!!!ma aimè dopo 15 giorni il peso era rimasto uguale,allora la mia pediatra mi ha dato subito l aggiunta al mio latte...dicendomi ke evidentemente nn le bastava o era poco nutriente...sarha si addormentava al seno e ci stava tanto,ho iniziato con 1 poppata al seno e 1 al biberon cn il latte artificiale,x poi avere sempre la paura ke al seno nn le bastava...allora gli facevo tutte le poppate cn il latte artificiale ..intanto a me il latte fuorusciva da solo e sarha mi kiedeva sempre la tetta...sn cosi arrivata a 3 mesi e sarha pesa kg3180 ed è alta 63 cm e continua a mangiare latte dal seno quando vuole e 3 4 poppate di 150 g di latte artificiale!!!!!a mio avviso si poteva evitare questa aggiunta all inizio almeno xkè sarha in questi 3 mesi....ora ne ha quasi 4,nn ha mai avuto una crescita regolare a volte troppo a volte pokissimo forse allora nn era colpa del mi latte!!!consiglio di allattare al seno sempre se c è!

katia (CS) 04/01/2013

Salve, allatto ancora nonostante la mia piccola Myrhiàm abbia 12 mesi .. Ho notato una riduZione del mio latte, perché andando in palestra devo tirarlo. È normale ?? Perché nonostante sia massimo 100ml dopo 20 minuti in tutte e due contemporaneamente e con medela elettronico, quando gli do il latte lei rigurgita ed è anche piena.. Qui in Germania le pediatre sono contrarie per l'uso della polvere del fieno greco.. Consigliano di sveZZarla e non capisco perché.. La mia domanda è una che mi frulla il cervello : Il latte materno è possibile che si riduca ma che diventi più sostanZioso nonostante i millilitri?? Perché prima si saZiava con 200 ml e rigurgita solo superando i 200 ml a volte.. Adesso con soli 100 ml pare che abbia lo stesso effetto.. Non so se ho posto bene la domanda.. Chiedo scusa per gli errori in lingua italiana.. GraZie in anticipo..

Elena (PA) 04/03/2013

Salve,sono la mamma del piccolo Niccolò,lui deve compiere 8 mesi a giorni,e beve esclusivamente il mio latte.L'ho svezzato già da un bel pò..vorrei sapere se devo dargli altro latte o posso continuare a darne il mio,molte esperte e non,mi dicono di nn allattarlo più ma di dare latte artificiale in quanto il mio nn ha più sostanze nutritive.La mia domanda è:posso continuare a dare il mio latte o dove dare quello artificiale,da premettere che il mio bambino nn sa bere al biberon e nn accetta altro latte.Come devo comportarmi?

TIZIANA SGARAMELLA (AN) 18/07/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta