ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Convulsioni febbrili semplici

Le econvulsioni febbrili semplici sono una condizione dovuta ad una particolare reattività del sistema nervoso ad uno stato febbrile che interessa circa il 3% dei bambini.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mia figlia di 17 mesi, cinque mesi orsono ha avuto una convulsione febbrile con la febbre a 37,5 (ereditaria nella famiglia del papà) ed è stata ricoverata. Poi, dopo alcuni mesi, aveva la febbre a 37 e, mentre dormiva, per pochi secondi si è irrigidita: io la chiamavo ma non si svegliava. Infine un paio di giorni fa,  mentre dormiva, non aveva la febbre ma si è irrigidita e si è bloccato il respiro, tutto per pochi secondi; poi la sera le è salita la febbre a 38. Come devo comportarmi: deve fare qualche esame specifico?

Considerate le caratteristiche degli episodi descritti, senz’altro la bambina soffre di convulsioni febbrili semplici (CFS). Si tratta di una condizione dovuta ad una particolare reattività del sistema nervoso ad uno stato febbrile, specie se la febbre si innalza bruscamente, che interessa circa il 3% dei bambini sani tra i 6 mesi ed i 5-6 anni.

Non se ne conosce esattamente il meccanismo scatenante: sono considerate come la conseguenza di un’immaturità del sistema nervoso per cui le cellule cerebrali, sotto l’effetto della temperatura febbrile, hanno una “reattività” in certi casi esagerata.

E’ stata dimostrata una predisposizione genetica e per questo sono di frequente riscontro altri casi tra i familiari del bambino. Talvolta la febbre non è presente al momento della convulsione ma compare poco dopo la fine della crisi; alcune volte, invece, la crisi convulsiva sopraggiunge quando la febbre sta calando.

Solitamente la convulsione febbrile si manifesta con perdita di coscienza e scosse degli arti, talvolta con uno stato di rigidità o di ipotonia muscolare. In genere dura pochi minuti ed è seguita da sonnolenza ed iporeattività.

Nella maggior parte dei casi rimane un episodio isolato e non si verifica più. È del tutto eccezionale che possa manifestarsi più di una crisi convulsiva nel corso di uno stesso episodio febbrile.

Invece, nel 30-40% dei casi, può accadere che si verifichino altri episodi (recidiva) dopo la prima crisi convulsiva, anche a distanza di mesi o anni, ma sempre in presenza di febbre. Le recidive sono più frequenti se l’insorgenza della prima convulsione è precoce, soprattutto se si verifica durante il primo anno di vita.

Comunque sia, le CFS sono considerate episodi benigni e non pericolosi perché sono di breve durata (non superiore a 15 minuti), mentre una convulsione deve durare ore per produrre un danno a livello cerebrale. In genere scompaiono tra i 5 e 6 anni, anche se alcuni autori le ritengono possibili fino ai nove anni.

I tentativi di mantenere bassa la temperatura non riescono ad evitare gli episodi convulsivi; tuttavia, si utilizzano farmaci che abbassano la febbre e mezzi fisici (bende bagnate e spugnature d’acqua sul corpo) soprattutto perché attenuano lo stato di malessere del bambino.

Non è stata dimostrata una relazione causa-effetto tra convulsioni febbrili ed epilessia: è stato valutato che il rischio di epilessia nei bambini che hanno avuto CFS è di circa l’1,5% rispetto all’incidenza nella popolazione generale (stimata intorno allo 0,5%).

In conclusione, non esiste alcun esame specifico da eseguire in caso di CFS, come quello descritto dal lettore. Eventualmente, sarà il pediatra a decidere di volta in volta l’utilità di effettuare esami ematochimici e/o strumentali (es. elettroencefalogramma).

A tutti i bambini che hanno avuto una prima crisi, viene prescritto il Diazepam per uso rettale da tenere a casa e da usare in caso di nuovi episodi convulsivi di durata superiore ai 3-4 minuti (esistono in commercio microclisteri da utilizzare a domicilio).

Ricordiamo, però, che la maggior parte delle CFS si esaurisce in 1-2 minuti e pertanto non richiede alcun trattamento.

Per ridurre il rischio di recidive, in caso di febbre è importante adottare misure adeguate per riportare la temperatura a valori normali: liberare il corpo da eccessivi indumenti; somministrare Paracetamolo al giusto dosaggio, anche 4-5 volte al giorno; applicare spugnature di acqua tiepida e/o la borsa del ghiaccio o pezze bagnate sulla fronte.

Quindi, in caso di recidive di CFS, la valutazione del pediatra può consentire la gestione del problema a domicilio. Altro discorso riguarda, invece, i casi di convulsioni febbrili complesse (CFC).

Si tratta di crisi convulsive focali o generalizzate prolungate, ossia di durata superiore a 15 minuti, o ripetute entro le 24 ore, e/o seguite da anomalie neurologiche, più frequentemente una paresi post critica (paresi di Todd).

Una CFC può, infatti, essere dovuta ad una patologia acuta del Sistema Nervoso Centrale, oppure costituisce l’esordio di particolari sindromi epilettiche, ma potrebbe essere semplicemente una convulsione febbrile prolungata con la stessa prognosi delle forme semplici.

Pertanto, in questi casi è sempre indicato il ricovero ospedaliero e sono fortemente raccomandati accertamenti ed approfondimenti diagnostici.

26/9/2011

16/1/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Convulsioni febbrili semplici"

Contrazioni muscolari in un neonato
Le contrazioni muscolari sono spasmi brevi e si esauriscono spontaneamente entro il 2°-3° anno.
Come si misura la febbre
Esistono svariati metodi per misurare la febbre. I consigli di come misurarla in modo corretto.
Acetone nei bambini: sintomi e rimedi
Acetone nei bambini è frequente in caso di febbre. I sintomi sono nausea, sonnolenza eun alito tipico. Fra i rimedi, bevande zuccherate e soluzioni idratanti.
Sindrome di West
La sindrome di West è una epilessia caratterizzata da spasmi in flessione, perturbazione dell'elettroencefalogramma e deterioramento neuropsichico.
Con la febbre si cresce?
La crescita del bambino in corso di febbre è una credenza delle nonne. Nessuno può misurare una variazione di così piccola entità.
Febbre da denti
La dentizione nel bambino può essere accompagnata da malessere, ma non è dimostrato che causi febbre.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Microftalmo: serve un'ecografia per indagare l'occhio
Microftalmo: potrebbe avere un occhio più piccolo.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
È rischioso dormire a pancia in su?
Le raccomandazioni di dormire a pancia in su valgono per il bambino fino ai 6 mesi di età.
Sindrome di Beckwith-Wiedemann
E' stata diagnosticata a mio figlio la sindrome di Beckwith-Wiedemann. Le cause.

Quiz della settimana

Parliamo di "pelle a grattugia". Quali di queste affermazioni è corretta?
È più frequente nei pazienti con predisposizione allergica
Richiede l'applicazione di creme idratanti
Compare più frequentemente sul viso e agli arti
Tutte le risposte sono esatte