ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Cianosi

La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti. E' determinata da una riduzione dell'ossigeno nel sangue.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mia figlia, subito dopo la nascita, ha avuto un attacco di cianosi. Che cosa si intende per cianosi? E' vero che è un sintomo da trauma da parto?

La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti. Essa è determinata da una riduzione dell'ossigeno nel sangue; perché sia evidente occorre che il livello di emoglobina ridotta (cioè, non ossigenata) salga ad almeno 5 g/dl.

La cianosi è molto evidente dove la cute è sottile, la pigmentazione scarsa ed i capillari abbondanti (punta delle dita, letto ungueale, mucosa orale). Nel neonato, a causa della instabilità della regolazione della circolazione e del respiro, la comparsa di cianosi è frequente e spesso senza significato patologico.

La cianosi può essere di origine centrale, causata da: ridotta ventilazione polmonare con diminuzione dell'assunzione di ossigeno; ridotta perfusione polmonare (ridotto apporto di sangue ai polmoni); emoglobine anomale (metaemoglobina). Di origine periferica, cioè che ha una causa vascolare:

  • instabilità vaso-motoria (frequente e non preoccupante nei neonati, particolarmente con alterazione della temperatura corporea;
  • può associarsi a setticemia o anomalie del metabolismo);
  • stasi capillare o venosa;
  • fenomeno di Raynaud (anomalia caratterizzata da colorito bluastro delle estremità per alterazioni della circolazione sanguigna);
  • cause ematologiche: policitemia, trasfusione materno-fetale o gemello-gemello, iperviscosità del sangue; cardiopatie congenite;
  • segno di Arlecchino (una metà del corpo diventa pallida o intensamente arrossata, fenomeno che dura pochi minuti e non è patologico).

1/4/1997

17/7/2016

I commenti dei lettori

Salve..mia figlia ha 2anni e mezzo e sn un paio di settimane k fa le labbra scure un blu e il viso diventa pallido anche se ultimamente e pallida e nn mangia e spesso e affanata..non so non ni ha mai dato problemi ma questo mi fa preoccupare un po anche se io sono fiduciosa dunque dott.cosa ne pensate?grazie per eventuale risposta

Samanta (AV) 29/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cianosi"

Malattia di Ebstein
La malattia di Ebstein è una cardiopatia congenita relativamente rara.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte