ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Dice sempre di no

Da circa due mesi, mio figlio di due anni è diventato testardo e dice sempre di no. Il bambino sente che può affermare la propria personalità soltanto dimostrandosi difficile e testardo.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Ho un bimbo di due anni che, da un paio di mesi, ormai continua a rispondere "no" a qualsiasi cosa gli venga chiesto. Per farvi un esempio, se é andato a trovare i nonni, dietro esplicita domanda di verifica se li é andati a trovare la sua risposta é no. Questo atteggiamento poi si collega anche a un suo rifiuto della presenza di persone che comunque ama e che trascorrono molto tempo con lui, esempio sua nonna. Non appena la vede al mattino le dice "No, non ti voglio, vai via". Lo stesso atteggiamento poi lo mostra anche con noi genitori al rientro dal lavoro. Mi potete consigliare per cortesia su come ci dobbiamo comportare? Dobbiamo contraddirlo o non commentare le sue negazioni?

Molto probabilmente il bambino sente che può affermare la propria personalità soltanto dimostrandosi difficile e testardo… Occorre che lei gli lasci sufficiente libertà di scelta, deve eseguire le cose da solo.

E’ importantissimo, evitare situazioni che possono provocare ostinazione, evitando di fargli fare qualcosa che non sia importante per lui, quindi non forzare la sua resistenza. Bisogna farlo agire di testa sua senza dare molto importanza a ciò che esegue.

Ma quando serve occorre essere rigidi malgrado i sui capricci. Gli farei capire che sono sempre ben disposto ad accettare motivi validi ed interessanti ma senza capricci. Lasciandogli la possibilità di scegliere ed agire per conto suo.

Dopo tutto, come potrebbero svilupparsi più tardi il coraggio e l’indipendenza nella vita, se nei primi anni egli non cercasse di imporre la propria personalità? Occorre un po’ di tempo prima che il bambino possa scoprire che ci sono altri modi di affermarsi senza assumere atteggiamenti di sfida.

È  una questione di apprendimento e di esperienza. Darei un grande aiuto al bambino se alla risposta “non voglio vedere la nonna” gli dicessi "adesso non vuoi vedere la nonna… Bene… forse lo farai tra qualche minuto oppure… forse lo farai più tardi..." Gli darei il tempo di metabolizzare la sua indolenza.

1/3/2011

26/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte