ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Educare senza rimproveri

Quando gli dico che una cosa non va fatta, lui apposta la fa con maggior insistenza. Come educarlo senza rimproveri? I consifli della pediatra.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Ho, come tutte le mamme credo, il problema di educare mio figlio e soprattutto di fargli capire cosa si può fare e cosa non si può, per ragioni di sicurezza e di opportunità. Ma trovo molto difficile comunicare con lui (ha due anni): quando gli dico che una cosa non va fatta, lui apposta la fa e con maggior insistenza. Ho provato a spiegarmi, a gridare, a dargli delle sberlette sulle mani (oltre non ce la faccio), a immobilizzarlo, il tutto con risultati pressoché nulli. Sto da qualche tempo sperimentando e con notevole successo un'altra via, quella dell'ipergratificazione. Lo sgrido ancora quando fa una cosa in modo scorretto, ma gli dico bravo e gli batto le mani quando la fa in modo corretto (come bere senza rovesciarsi addosso l'acqua). In questo modo lui, per ottenere la gratificazione, tende a compiere il gesto nella maniera giusta. Un grosso problema è sempre stato farlo mangiare, ora al momento del pasto gli pongo di fronte il suo orsetto di peluche e fingo di imboccarlo, poi mi rivolgo a mio figlio e gli dico:"Vedi che lui non è capace di mangiare, fagli vedere invece come sei bravo tu", e poi all'orsetto:"Guarda come è bravo Simone, tu non sei capace". Ho ottenuto dei risultati davvero sorprendenti, mio figlio mangia con gusto e piacere e il momento del pasto è divenuto un occasione di divertimento. Io però mi chiedo se il mio metodo sia corretto dal punto di vista educativo, se questa ipergratificazione non possa in qualche modo favorire in lui atteggiamenti narcisistici o di competitività che possano in seguito influire negativamente nella socializzazione con gli altri bambini.

Ottime scelte! Non si tratta di "ipergratificazione", ma di esempi reali che confermano il successo personale nella riuscita dei gesti e nella comprensione dei concetti. La personalità ne sarà arricchita ed il bambino non avrà senso di frustrazione e di incapacità.

Bisogna ricordare che a due anni i bambini attraversano un periodo particolare di affermazione del "sé" che passa spesso attraverso la negazione delle cose piuttosto che l'accettazione. Perciò l'educazione con l'esempio, il ragionamento comparativo ed anche la gratificazione sono più efficaci della sgridata o della punizione.

1/11/1997

22/4/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte