ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Entra in crisi se le si toccano i giocattoli

A due anni entra in crisi se le toccano i giocattoli. E' normale il suo comportamento? I consigli della psicologa.

a cura di: Dott.ssa Paola Zanchetta (sociologa della redazione di www.educare.it)

Ho una bimba di 27 mesi che tutte le volte che riceve in casa un qualsiasi bambino entra in crisi se le tocca i giocattoli o altre cose che ritiene sue. Si scatena così una reazione a catena che sfocia nel tipico tiremmolla: "E' mio, è mio!". Insomma i due bimbi si mettono a litigare. Credo si tratti di una normale fase di crescita, ma mi piacerebbe sapere cosa possono fare i genitori per evitare le crisi di pianto (litigio) dei due bimbi e come poter insegnare alla mia piccola a separarsi (seppur per poco) dalle sue cose, prestandole agli amichetti.

E' assolutamente normale che all'età di due anni i giochi e tutte le cose diventino motivo di litigio con chiunque tenti di appropriarsene. A questa età in nostro "io interiore" deve ancora formarsi e per "riconoscerci" abbiamo bisogno di molte cose fuori di noi. Quel lento e fondamentale processo di separazione tra sé ed il mondo è solo alla soglia ed ha bisogno di tutto il nostro aiuto di genitori e di educatori. Si tratta di favorire questa crescita rassicurando i nostri piccoli, offrendo loro occasioni di contenimento e proponendo insieme delle piccole sfide per diventare grandi.

Potrà allora, caro signore, dire alla sua piccola "prestiamo la palla a... solo per un minuto ed il tuo papà ti promette che poi... te la restituirà", oppure "prestiamo la bambola a... ma il tuo papà controlla che non la rompa"; "prestiamo" (prima persona plurale) per testimoniare che siamo insieme ed al contempo fuori di lei. I nostri bambini, in queste situazioni, non fanno capricci, ma vivono un vero e proprio travaglio interiore che non può essere evitato, perché serve a farli crescere, pur necessitando di un contenimento educativo.

7/2/2001

22/9/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Pressione bassa nel bambino
Mio figlio di 10 anni soffre di pressione bassa. Da che cosa può dipendere? Se l'alimentazione è varia, non sono necessari gli integratori.
Test di Coombs in gravidanza. Se positivo, che rischi ci sono?
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
La prima colazione del bambino
E' indispensabile che il bambino faccia una buona colazione. La prima colazione deve coprire il 15-20% dell'apporto calorico giornaliero.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa