ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Inserimento precoce alla scuola materna

Fatica ad integrarsi e si sente inadeguata alla scuola materna: cosa posso fare?

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Sono la mamma di una strepitosa bimba di due anni e mezzo che, dopo essere stata sempre e quasi solo con m,e ho iscritto alla scuola materna. Per quanto io con lei mi mostri sicura ed entusiasta di questa nuova avventura, la piccola fatica ad integrarsi, a superare il distacco e soprattutto, ed ecco il mio vero motivo di angoscia, sta sviluppando una sorta di senso di inadeguatezza: infatti quando le chiedo come è stata la mattina all'asilo lei mi dice che non è stata brava perchè ha pianto. Inutili i miei tentativi di confortarla dicendo che invece lei è brava perchè quasi tutti i bimbi piangono all'inizio, poi passa e non piangono più. Ora sono davvero in difficoltà: avrò sbagliato ad iscrivere mia figlia alla materna invece che al nido (tra l'altro la bambina ancora parla pochissimo...), come posso farla sentire meno "non brava"? Come le comunico che io sono davvero fiera di lei? Come posso aiutarla? Vi prego datemi una mano.

Sicuramente l’asilo nido rappresenta un servizio socio – educativo specificamente  rivolto a bambini tra i tre mesi e i tre anni e alle loro famiglie: l’azione educativa che esso offre assume il valore e il significato di intervento integrato e di supporto ai genitori, rispondendo in maniera organica alle esigenze dell’utenza.

I percorsi ludici proposti in un asilo si sviluppano in funzione della crescita delle opportunità di gioco offerte e vengono strutturati in un clima di vita sereno, attuato in una dimensione di rispetto reciproco dei ruoli della famiglia e dell’asilo stesso.

Nella sua lettera non mi dice se la bimba è inserita in un gruppo omogeneo per età o se è inserita in un gruppo dove sono presenti bambini di fasce diverse.

Così come non mi specifica i contenuti dei colloqui avuti durante l’anno scolastico con i docenti della sezione di scuola dell’infanzia che la sua piccola frequenta: la scuola infatti riconosce nella famiglia una risorsa fondamentale, favorevole a valorizzare l’elaborazione e l’attuazione del distacco graduale dalla mamma di un alunno che frequenta per la prima volta.

Quali sono le risposte che ha ricevuto dai docenti al malessere della bambina? Costruendo la promozione di un lavoro finalizzato a  creare un clima di collaborazione fra i genitori della bimba e le insegnanti si ottiene un adattamento positivo e un graduale aumento del piacere a stare a scuola secondo le  attività proposte e i tempi organizzativi.

21/4/2011

4/3/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte