ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Sonnambulismo nei bambini

Il sonnambulismo è uno stato particolare di automatismo del movimento che si verifica durante il sonno naturale.

a cura di: Dott. Leo Venturelli (pediatra)

Il sonnambulismo è uno stato particolare di automatismo del movimento che si verifica durante il sonno naturale: il bambino sonnambulo si alza dal letto, cammina nel sonno, ha gli occhi aperti, ma lo sguardo risulta assente, nel vuoto; non è attento a quello che succede attorno a lui; può compiere azioni anche complesse e coordinate, senza peraltro ricordare nulla al risveglio: può vestirsi e svestirsi, aprire e chiudere porte, accendere e spegnere la luce.

L'episodio dura in genere da 5 a 20 minuti. Molto spesso, dopo la crisi di sonnambulismo, che può ripetersi anche tutte le notti in certi periodi, il bambino torna a letto e dorme normalmente fino al risveglio, che avviene in modo del tutto naturale. Al mattino non c'è ricordo di quello che è successo durante la notte.

Il sonnambulismo si presenta di solito nell'età compresa dai 4 ai 15 anni; ha carattere ereditario ed ha una frequenza che può raggiungere il 15% dei bambini. Si manifesta quasi sempre nelle prime due ore di sonno; questo fenomeno sparisce durante o dopo l'adolescenza. Il sonnambulismo non è una malattia pericolosa in sé, è una situazione comune e completamente normale, anche se alcuni psichiatri lo considerano come una forma molto leggera di stato isterico.


Come comportarsi davanti ad un bambino o ad un adolescente sonnambulo?

  • Cercate di riportare gentilmente il bambino a letto
    Quando trovate il bambino sonnambulo che gira in casa, cercate dolcemente di riaccompagnarlo in camera sua, guidandolo sottobraccio: prima però accompagnatelo in bagno perché potrebbe aver bisogno di urinare. È possibile che così facendo riusciate a porre fine alla crisi e a fargli continuare il sonno tranquillamente nel suo letto. Non cercate di svegliarlo almeno fino a quando ha ripreso un sonno regolare.
  • Proteggetelo dai pericoli
    Se il bambino vaga sonnambulo e riesce a uscire di casa, può andare incontro a incidenti: in strada potrebbe essere investito da automobili, morso da cani, perdere l'orientamento e vagare poi senza meta. Cercate perciò di impedire che esca mettendo cancelletti all'inizio delle scale o serrature alle porte in modo che non possa facilmente aprire gli usci. Non mettetelo a dormire in letti a castello o in soppalchi dove bisogna arrampicarsi attraverso ripide scale.
  • Fategli condurre una vita tranquilla, senza eccessivi stress sia fisici che psichici
    Quando un adolescente dorme poco la notte o si stanca troppo durante il giorno con un ritmo di vita irregolare, è più facile che manifesti il sonnambulismo. Abituatelo a dormire ad orari ragionevoli, soprattutto quando è malato o stanco.
  • Tentate di svegliarlo al momento giusto per tentare di ridurre le notti di sonnambulismo
    Se volete provare a far smettere il sonnambulismo di vostro figlio perché gli episodi stanno diventando troppo frequenti, annotate quanto tempo passa dal momento di addormentarsi a quando inizia il sonnambulismo: nelle sere successive provate a svegliarlo 15 minuti prima del momento previsto e non fatelo riaddormentare per almeno cinque minuti. Rifate la stessa cosa per un'intera settimana. Questo sistema dovrebbe ridurre gli episodi di sonnambulismo, almeno in quel periodo. Potete ripetere lo stesso metodo anche in altre successive occasioni.

3/6/2002

4/11/2015

I commenti dei lettori

Mio figlio di 4 anni ha sempre presentato questo fenomeno, ossia si svegliava di notte anche da + piccolo e sempre con disperazione, come ora. Durante questi risvegli lui è molto arrabbiato e impaurito rifiutando ogni aiuto, borbotta delle cose che si riferiscono a qualcosa o qualcuno con rabbia. Qualche volta si mette a camminare per casa. Raramente il fenomeno avviene con serenità. Sono preoccupata.

Michela (CB) 21/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare