ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Diagnosi di celiachia

La biopsia rappresenta una tappa fondamentale nella diagnosi di celiachia che, se presente, richiede un trattamento dietetico per tutta la vita.

È proprio necessaria la biopsia intestinale per fare la diagnosi della celiachia? Desidero conoscere se, al fine di ottenere l'esenzione medica per l'ottenimento dei prodotti senza glutine, sia estremamente necessario che sia effettuata una biopsia della mucosa, e ciò in considerazione che dagli esami effettuati di routine "tipizzazione tessutale, anticorpi antiglutine IgA (13.0), anticorpi antiglutine IgG (11.2), anticorpi anti-endomisio (positivi), anticorpi anti-transglutaminasi (18.4)" sia emerso un quadro clinico abbastanza chiaro, atteso che la bambina affetta da tale sintomatologia ha sei anni, ne dimostra circa nove, non ha mai avuto problemi di crescita se non da ultimo dei forti dolori addominali, anche se sporadici. Abbiamo sottoposto la bambina alla biopsia, ma la stessa non è potuta essere effettuata per la mancanza di "partecipazione" da parte della bambina. I medici vorrebbero effettuarla con anestesia totale e ciò, a detta degli stessi, al fine di avere la certezza della presenza della malattia celiachia, così da poter concedere altresì la stessa esenzione per i prodotti senza glutine. Nello stesso tempo si è provato ad ascoltare altri specialisti, i quali non hanno ritenuto indispensabile la biopsia alla luce dei risultati degli esami effettuati, la quale potrebbe, a detta degli stessi, essere effettuata anche in un secondo tempo, in un momento meno traumatico per la stessa bambina.

Gentile signore, per quanto mi risulta, quello che le serve per l'esenzione dal pagamento dei prodotti senza glutine è l'attestazione di un Centro ospedaliero della diagnosi di celiachia, più la prova della eseguita biopsia. Tuttavia la materia è controversa per cui vi potrebbe essere difformità di comportamento tra una ASL e l'altra o tra una regione e l'altra. Certo è che la biopsia rappresenta una tappa fondamentale nell'accertamento diagnostico di una condizione che, laddove presente, richiede un trattamento dietetico per tutta la vita.

Altrettanto sicuro che il momento migliore per eseguire la biopsia è prima di avviare il trattamento con dieta priva di glutine, cioè nella situazione in cui sua figlia mi pare si trovi attualmente. Personalmente pertanto sarei dell'avviso di seguire il suggerimento di coloro che le hanno detto di fare l'esame bioptico (se fatto con capsula, l'anestesia potrebbe non essere necessaria).

20/6/2001

1/5/2014

I commenti dei lettori

Salve, desideravo sapere se un bambino di 18 mesi che risulta negativo all'anticorpo anti-transglutaminasi può ancora essere considerato sospetto di celiachia o se tale risultato ne scongiura la presenza. Grazie

Laura (PA) 04/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte