ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia alle graminacee e terapia

La terapia per l'allergia ai pollini richiede la terapia antiistaminica per tutto il periodo di pollinazione. E' normalmente praticata senza problemi, anche per lunghi periodi.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Ho scoperto l'anno scorso a maggio che mio figlio di sei anni è allergico alle graminacee. Cura con 5 gocce di ... (nome commerciale della Levocetirizina) al mattino e alla sera + collirio ... (nome commerciale del Ketotifene) e spray ... (nome commerciale del Fluticasone Furoato) . In questi giorni, a distanza di un anno, i sintomi tipo raffreddore si sono ripresentati e ha iniziato la cura con ... (nome commerciale della Levocetirizina) + collirio ... (nome commerciale del Disodiocromoglicato + Clorfenamina) tre volte al di per prevenzione. Il collirio ... (nome commerciale del Disodiocromoglicato + Clorfenamina) mi è stato consigliato durante una visita oculistica pediatrica di controllo dopo che il medico oculista ha appreso che il bambino è allergico alle graminacee. Il consiglio è di iniziare un mese prima del periodo allergico con somministrazione 3/4 volte al dì come cura preventiva per gli occhi. Vorrei sapere se l'antistaminico a lungo andare può creare problemi e se esiste un vaccino, poichè sono un po' preoccupato per l'assunzione continua di medicine.

Da quello che viene riferito si evince che il piccolo soffre di oculorinite allergica, condizione di frequente riscontro che si manifesta, appunto, con rinite e congiuntivite. La rinite allergica interessa dal 5% al 35% della popolazione globale, sia adulti che bambini, e si associa molto spesso a congiuntivite allergica.

Pur non essendo una malattia grave, la rinite influisce sulla vita sociale alterando le prestazioni scolastiche e lavorative. La sua importanza è anche legata al fatto che si associa spesso all'asma e costituisce fattore di rischio per la sua insorgenza.

La terapia di questa condizione è in stretta relazione con il tipo di allergia poiché l'allergia ai pollini, come nel caso del nostro bambino, richiede la terapia antiistaminica per tutto il periodo di pollinazione e, dunque, viene normalmente praticata senza problemi, anche per lunghi periodi.

In effetti, gli antistaminici orali o topici di seconda generazione sono raccomandati sia per il trattamento della rinite sia per la congiuntivite allergica. Esistono, comunque, altre opzioni di trattamento, peraltro praticate nel caso in oggetto, quali gli steroidi nasali che sono considerati i farmaci più efficaci nella rinite allergica.

Molto efficaci sono poi considerati gli antileucotrienici; anche i cromoni vengono usati per il trattamento della rinite e della congiuntivite allergica, ma la loro efficacia è modesta. Ad ogni modo, il trattamento deve tener conto della severità e durata dei sintomi, e deve essere personalizzato per ogni singolo paziente.

Si consiglia sempre una strategia di trattamento "a gradini", basata sulla severità e durata del disturbo.  Tuttavia, non tutti i pazienti con rinite moderata/severa raggiungono il controllo dei sintomi, nonostante la terapia ottimale.

Pertanto esiste la possibilità, a partire dai cinque anni di vita, di utilizzare l'immunoterapia allergene specifica (ITS) che rappresenta l'unica terapia in grado di modificare la storia naturale della malattia. Essa può ridurre il rischio di insorgenza successiva di asma (prevenzione secondaria) e la comparsa di nuove sensibilizzazioni.

 

6/10/2010

1/3/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia alle graminacee e terapia"

Dermatite atopica e asma bronchiale e allergica
E' allergico alle graminacee e soffre di asma allergica. Potrebbe migliorare crescendo? I consigli dell'allergologo.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Allergia alle graminacee
Gli hanno diagnosticato una forte allergia alle graminacee. Vorrei un parere sulla terapia che mi hanno consigliato.
Si può usare il Montelukast?
Ci sono controindicazioni nell'uso del Montelukast nei bambini allergici alle graminacee? I consigli del Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.
Cisti smegmatiche
Le cisti smegmatiche sono piccole sacche di grasso sotto la pelle del prepuzio che si risolvono da sole.
Latte anti rigurgito
Ci hanno consigliato un latte per alleviare il rigurgito, ma la presenza di farina di semi di carruba nel latte sarebbe da ostacolo all'assorbimento del calcio.
Le mie figlie non mi accolgono con gioia dopo il lavoro
Quando vado a prenderle dai nonni dopo il lavoro, le bimbe sono fredde e non mi accolgono mai con un benvenuto.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte