ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

E' allergico alla alternaria

Due sono le terapie se si è allergici alla alternaria: una terapia preventiva e una desensibilizzante sublinguale.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio maschio di 10 anni soffre da cinque anni di una grave forma di allergia oculare all'alternaria che va da maggio fino ad ottobre e si manifesta con prurito agli occhi e arrossamento molto intenso. I colliri antistaminici sono blandi nel risultato, quelli al cortisone funzionano ma dopo una settimana bisogna sospenderli per il timore di effetti collaterali, le terapie sistemiche non hanno avuto nessun effetto: non esiste un terapia che sia efficace senza avere grossi rischi a livello oculare?

La terapia sintomatica praticata fino ad ora è corretta ed è quella che mediamente si attua in questi casi. Le alternative possono essere solamente due: una terapia preventiva, da attuare prima della stagionalità dell'alternaria con nedocromil sodico in collirio, lasciando ai periodi di maggiore acuzie la terapia sintomatica precedentemente segnalata o, in alternativa, visto che comunque anche se in misura minore il quadro è spesso accompagnato da rinite (si parla infatti di rino-congiuntivite) una terapia desensibilizzante sublinguale per l'alternaria, da iniziare prima di maggio e da mantenere durante la stagionalità (terapia pre-co-stagionale). L'accettabilità da parte del bambino è ottimale poiché si tratta di gocce incolori, inodori, insapori e notevolmente tollerate.

30/5/2000

30/9/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' allergico alla alternaria"

Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Congiuntivite nei bambini
La congiuntivite allergica è un'infezione oculare che arreca occhi molto rossi, secrezioni abbondanti. Ne soffrono molti bambini. Le cause e i rimedi.
Epifora: gli lacrima sempre l'occhio
Epifora è dovuta a un restringimento del puntino lacrimale, del canalino lacrimale o del dotto naso-lacrimale. Le cause e le soluzioni.
Allergia all'alternaria
L'Alternaria è una muffa molto diffusa, che si sviluppa su carta da parati, tappeti, terriccio e foglie di piante ornamentali. Può provocare allergia.
Congiuntivite virale
Da cosa è provocata la congiuntivite virale? Le precauzioni per evitare il contagio.
Orzaiolo
Da che cosa è causato l'orzaiolo? Come si cura?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre