ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Congiuntivite allergica

Soffre di una fastidiosa forma di congiuntivite allergica che si presenta regolarmente alla metà di marzo e lo insidia fino a metà settembre. Si tratta di congiuntivite primaverile.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

Il mio bimbo ha cinque anni e da due soffre di una fastidiosa forma di congiuntivite allergica che si presenta regolarmente alla metà di marzo e lo insidia fino a metà settembre. Dai prick tests, piuttosto accurati e vari, è risultata solo una "leggera" allergia agli acari della polvere. Con il seguente esame del sangue (Rast) si è confermata una allergia del genere suddetto (livello basso) ed una lieve sensibilità verso la parietaria. Data la precisione temporale con la quale i sintomi (arrossamento congiuntivale, fastidio causato dalla luce, forte lacrimazione) si presentano, è possibile che vi sia esclusivamente questa leggera sofferenza rilevata? E' possibile che il disturbo sia connesso con il colore chiaro delle sue iridi? Dato che sino ad ora il trattamento è stato localizzato alla somministrazione due volte al dì di gocce di ... (nome commerciale della levocabastina) collirio, è possibile intervenire diversamente, eventualmente in forma preventiva? Mi consigliate di sottoporre il bambino ad ulteriori esami? Se sì quali? [

Da quanto riferito è possibile che la forma di cui parla sia una congiuntivite primaverile, una condizione non sempre sostenuta da allergeni specifici, che, a dispetto di una lieve positività degli esami di laboratorio, ha una significativa sintomatologia. Purtroppo in questi casi i blandi antistaminici come la levocabastina hanno limitata efficacia ed i risultati migliori si ottengono con colliri steroidei.
Questa forma tende a diminuire di intensità con gli anni, per risolversi quasi completamente dopo la pubertà. Il nemico numero uno è il sole e l'impiego di filtri solari (occhiali da sole) è molto opportuno.

14/3/2000

29/3/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Congiuntivite allergica"

Congiuntivite nei bambini
La congiuntivite allergica è un'infezione oculare che arreca occhi molto rossi, secrezioni abbondanti. Ne soffrono molti bambini. Le cause e i rimedi.
Vero e falso in oculistica
Una serie di risposte flash a domande frequenti in oculistica.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
E' allergico alla alternaria
Il mio bambino è allergico alla alternaria. Da maggio a ottobre ha gli occhi rossi. la terapia da seguire.
Congiuntivite allergica
Quando la congiuntivite persiste per un periodo molto lungo nel tempo, è molto probabile che si tratti di una congiuntivite allergica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box