ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Congiuntivite primaverile

La congiuntivite primaverile è una condizione caratterizzata da arrossamento, fastidio in presenza di luce, lacrimazione e prurito palpebrale. Quali esami bisogna fare per diagnosticarla?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Egregi dottori, mi rivolgo nuovamente a voi - visto che in precedenza mi avevate dato una risposta esaustiva su un problema - per chiedervi se sapete qualcosa su: A) congiuntivite primaverile B) palpebra a "pavimentazione a ciottolato romano". Vorrei sapere da cosa derivano o cosa le provoca, qual è l'eventuale terapia più appropriata, il decorso, se ci sono esami specifici per individuarne la causa ecc. Questo perché è stata diagnosticata a mio figlio di 6 anni, ma purtroppo senza sapermi dare queste risposte, almeno non così precise come una madre vorrebbe.

 La congiuntivite primaverile è una tipica condizione patologica caratterizzata da iperemia (arrossamento) congiuntivale, fotofobia (fastidio in presenza di luce intensa), lacrimazione e prurito palpebrale, che si presenta nei mesi primaverili ed estivi. Le cause scatenanti possono essere l'allergia verso un polline o la ipersensibilità aspecifica verso i raggi ultravioletti della luce solare.

Tale manifestazione colpisce in età pediatrica i bambini con età superiore ai 5 anni ed ha, soprattutto se non è legata ad allergia, una durata limitata nel tempo (5-10 anni). La lesione della mucosa congiuntivale è definita "a ciottolato romano" per l'aspetto tipico caratterizzato da tante granulazioni ravvicinate (tipo ciottoli), formate da aggregati di cellule linfoidi nella sottomucosa.

E' importante praticare dei test cutanei per allergia (prick-test) per valutare l'eventuale presenza di sensibilità ad un polline; in casi molto più rari tale malattia può essere legata ad allergia alimentare, ma insorge in età inferiore ai 5 anni ed in bambini fortemente predisposti per manifestazioni allergiche (dermatite atopica, asma, ecc.).

Se i prick test dovessero risultare negativi può essere utile effettuare un esame del sangue, con dosaggio per le IgE totali (PRIST) e IgE specifiche (RAST) verso i singoli allergeni respiratori. La terapia è caratterizzata dall'uso di antistaminici per via orale e da colliri a base di cortisonici (per periodi brevi e nei casi più intensi); nei casi più lievi sono utili terapie prolungate, per tutto il periodo primaverile-estivo, con colliri a base di cromoni che consentono di ridurre il ricorso ai cortisonici. Gli occhi devono essere protetti con occhiali da sole di buona qualità.

16/10/1999

1/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Congiuntivite primaverile"

E' allergico alla alternaria
Il mio bambino è allergico alla alternaria. Da maggio a ottobre ha gli occhi rossi. la terapia da seguire.
Congiuntivite allergica
Quando la congiuntivite persiste per un periodo molto lungo nel tempo, è molto probabile che si tratti di una congiuntivite allergica.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Congiuntivite nei bambini
La congiuntivite allergica è un'infezione oculare che arreca occhi molto rossi, secrezioni abbondanti. Ne soffrono molti bambini. Le cause e i rimedi.
Strizza gli occhi
Strizza spesso gli occhi e mi hanno consigliato un collirio, ma non migliora. Il parere dell'Oculista.
Epifora: gli lacrima sempre l'occhio
Epifora è dovuta a un restringimento del puntino lacrimale, del canalino lacrimale o del dotto naso-lacrimale. Le cause e le soluzioni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
Risvegli notturni del neonato
La quantità di sonno, nei primi anni di vita, è in costante evoluzione. Anche se le differenze individuali sono molto ampie.
Frattura del femore
Mio figlio di 4 anni si è fratturato il femore destro. Ora purtroppo deve portare un rialzo.
Gli esami da eseguire in gravidanza
Per monitorare l'andamento della gravidanza sarà necessario fare alcuni esami, alcuni dei quali a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura