ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ernia iatale e reflusso gastroesofageo

L'ernia iatale è di solito congenita nei bambini ed è frequentemente associata a reflusso gastro-esofageo. Spesso queste patologie sono associate ad altre malformazioni congenite.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono una mamma di due bambine: la prima di due anni e otto mesi e la seconda di due mesi. La prima bimba è nata con un problema piuttosto importante riguardante il "reflusso gastroesofageo". Fin dalla seconda settimana di vita è stato riscontrato un problema al cardias (lasso), un'ernia jatale e, solo in seguito, anche il problema che l'angolo d'inserzione esofago-stomaco era notevolmente superiore alla norma, fatto che ha poi costretto la bimba, all'età di 11 mesi, a subire un'operazione di "plastica" allo stomaco piuttosto difficile. Purtroppo, anche se tutti medici che ci hanno seguito in questi lunghi 12 mesi di degenza, ci hanno in seguito affermato che non avrei dovuto pormi il problema di una benché minima familiarità della patologia presentata dalla prima bambina, mi trovo ora ad affrontare, benché in forma per il momento più lieve, lo stesso tipo di problema anche con la seconda bimba.

La mia domanda si riassume quindi in un semplice quesito: esistono, ad oggi, prove scientifiche a dimostrare o, al contrario, confutare con certezza l'assenza totale di familiarità, od, addirittura, ereditarietà genetica di questa patologia neonatale? Nell'intraprendere, se lo decidessi, una nuova gravidanza quest'informazione potrebbe, almeno a scopo preventivo, essermi oltremodo preziosa.

L'ernia iatale è di solito congenita nei bambini ed è frequentemente associata a reflusso gastro-esofageo. Spesso queste patologie sono associate ad altre malformazioni congenite e questo fa supporre ed evidenzia l'esistenza di sicuri fattori genetici ereditari (che comunque non sono ancora stati identificati come mappatura cromosomica). Dalle conoscenze attuali, quindi, sebbene si possa sospettare una familiarità della patologia, non è possibile trarre alcuna indicazione pratica per consulenza prenatale.

1/7/1997

7/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ernia iatale e reflusso gastroesofageo"

Broncopolmonite ricorrente nei bambini
La broncopolmonite nei bambini è una malattia frequente. Se si ripete spesso, può esserci un problema di allergia o di difese immunitarie.
Ph-metria
La ph-metria (ovvero la ph-manometria/24h) è un esame diagnostico che serve a valutare il grado di acidità nell'esofago.
Ernia iatale
Con il termine ernia iatale si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala.
Reflusso gastroesofageo
Hanno diagnosticato a mio figlio il reflusso gastro-esofageo. Normalmente i sintomi si riducono verso i due anni quando i bambini assumo cibi più solidi.
Esofagite da reflusso gastro-esofageo
L'esofagite da reflusso è un disturbo causato da un frequente rigurgito del contenuto dello stomaco nell'esofago. La cura suggerita dall'esperto.
Ernia inguinale
L'ernia inguinale è la protrusione del contenuto di un compartimento corporeo attraverso la parete che di norma lo racchiude.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica