ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Reflusso gastro-esofageo e asma

Il rapporto esistente tra asma e reflusso gastro-esofageo fu messo in evidenza già nel 1946 da Mendelson. E' stimato che circa il 40% di bambini con RGE avrebbe sintomi simil-asmatici.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Vorrei che parlaste di un argomento che mi interessa personalmente e cioè l'asma da reflusso gastro-esofageo.

Per reflusso gastro-esofageo si intende l’involontario passaggio di materiale gastrico in esofago. Tale condizione è fisiologica (cioè normale), se avviene sporadicamente, ed è molto più frequente nel neonato e nel lattante (40% dei bambini fino ad 10 mesi di vita), risolvendosi nel 95% dei casi entro il 24° mese di vita. La malattia da reflusso gastro-esofageo è invece caratterizzata da un’aumentata intensità, durata e frequenza del reflusso. Il rapporto esistente tra sintomi asmatici e reflusso gastro-esofageo (RGE) fu messo in evidenza, in modo scientifico, già nel 1946 da Mendelson.

Egli descrisse la comparsa di sintomatologia simil-asmatica in pazienti anestetizzati e con presenza di RGE ed aspirazione di secrezioni gastriche nelle vie aeree. Da allora si sono moltiplicate le segnalazioni riguardanti la possibilità di asma causato da RGE, ma anche segnalazioni di RGE causato dall’asma stesso. La prevalenza di RGE in pazienti con asma varia, dal 30% all’89%, a seconda dei diversi autori, e circa il 40% di bambini con RGE avrebbe sintomi simil-asmatici. I meccanismi ipotizzati attraverso i quali il RGE può dare sintomi asmatici, sono prevalentemente: ripetute micro-aspirazioni di materiale gastrico; riflesso vagale da distensione esofagea o presenza di acido nell’esofago. In corso di associazione con il RGE i sintomi respiratori sono prevalentemente notturni, ciò in relazione all’aggravarsi del RGE nelle ore notturne.

La sintomatologia respiratoria indotta dal reflusso può essere di vario tipo, infatti si va dalle crisi di cianosi con arresto del respiro alla sola tosse notturna. Altri sintomi possono essere: stridore laringeo, laringiti ricorrenti, broncopolmonite, otiti ricorrenti e naturalmente asma. In base all’età del bambino prevale un sintomo o l’altro. Ad esempio nel lattante saranno più frequenti fenomeni caratterizzati da crisi di cianosi, crisi di apnea, stridore laringeo, bronchioliti ricorrenti e broncopolmoniti ricorrenti. Nelle età successive saranno maggiormente rappresentati sintomi cronici quali tosse cronica, bronchite cronica, polmonite ricorrente, asma. Alcuni studi hanno messo in relazione la cosiddetta “morte in culla” con la presenza di RGE preesistente e quindi con la possibilità che crisi di apnea notturna, non evidenziate, siano capaci di determinare l’evento fatale.

Poiché la coordinazione tra deglutizione, respirazione e controllo della muscolatura esofagea dipende dall’integrità del sistema nervoso centrale e periferico, i bambini con malattie neurologiche saranno maggiormente esposti a sviluppare un RGE con conseguente patologia respiratoria. È stato anche ipotizzato che il riflesso vagale indotto dall’infiammazione esofagea, non sia causa diretta di ostruzione bronchiale, ma potenzi la risposta bronco-ostruttiva indotta da altri stimoli. Nel caso che un bambino accusi sintomi asmatici ed abbia contemporaneamente una sintomatologia suggestiva per RGE (vomito ricorrente, dolore epigastrico, difficoltà nell’alimentazione, dolore e difficoltà nella deglutizione) sarà necessario escludere o confermare la presenza della patologia dell’apparato digerente.

Per diagnosticare il RGE la metodica più sensibile e specifica è la Phmetria esofagea computerizzata. Essa consiste nell’inserire un sondino in esofago per monitorare il passaggio di succhi gastrici acidi provenienti dallo stomaco per un tempo di 18 ore. Essendo una metodica piuttosto invasiva, si stanno studiando altre possibilità diagnostiche più “soft” quali l’ecografia e la scintigrafia. Una volta diagnosticata la presenza di un RGE va intrapresa una terapia specifica con farmaci che riducono il passaggio di materiale gastrico in esofago, aiutandosi con accorgimenti posturali (dormire in posizione semi-seduta). Devono essere, inoltre, sospesi quei farmaci antiasmatici come i teofillinici e i beta2-stimolanti, che favoriscono il RGE. Nei casi più gravi sarà necessario ricorrere ad una terapia chirurgica.

9/11/2000

10/9/2014

I commenti dei lettori

buon giorno.ho da poco scoperto di avere un reflusso gastroesofageo.da mesi ho tosse asmatica con stridori in gola e nella trachea (almeno credo si tratti della trachea.questi sintomi accompagnati da difficolta respiratorie si affacciano dopo uno sforzo di poca intensità e di breve durata.puo essere associato al reflusso?rx torace buono, spirometria buona

maria (FG) 05/04/2011

mio nipote ha tutti i sintomi del reflusso gastroesofageo senza rigurgito. non riesce a mangiare, piange molto e cala di peso, quale potrebbe essere una terapia adatta a lui? ha fatto la ph metria 24 ma ha tenuto il sondino solo 12 ore, l'esito è stato negativo. :(

pasquale (NA) 25/01/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Reflusso gastro-esofageo e asma"

Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Asma da sforzo
L'asma da sforzo si manifesta con tosse o affanno alcuni minuti dopo la fine dell'attività, con brusca caduta dei valori di funzionalità respiratoria.
Dermatite atopica dall'eta' di tre mesi
La Dermatite Atopica, soprattutto se associata a ripetuti episodi di bronchite asmatica, rappresenta uno dei fattori di rischio per lo sviluppo di asma.
Una forte bronchite asmatica
Dopo una forte bronchite asmatica è preferibile portarla al mare o in montagna?
Allergia all'alternaria
L'Alternaria è una muffa molto diffusa, che si sviluppa su carta da parati, tappeti, terriccio e foglie di piante ornamentali. Può provocare allergia.
Asma e raffreddore
Ogni volta che ha il raffreddore gli viene anche l'asma. Come fare per evitarla.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta