ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Profilassi e terapia per la varicella

Non sempre è necessario sottoporre il bambino contagiato dalla varicella ad una profilassi. Il pediatra di fiducia saprà, senza dubbio, consigliare l'opzione migliore.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

Come orientarsi tra profilassi e terapia per la varicella con l'Aciclovir?

La risposta a questa domanda sarà necessariamente stringata, poichè, in effetti, c'è abbastanza poco da dire: se il bambino sta bene, è stato contagiato "in prima persona" e non ha contratto la varicella dopo che uno o due familiari ne sono stati affetti (voglio dire: se è il primo caso intrafamiliare), non ha un background di malattie che possono far presagire una varicella con eruzione e sintomi intensi, è sufficientemente grandicello, allora non è necessario sottoporlo a terapia con Aciclovir e neppure a profilassi, visto che la profilassi deve essere iniziata - ovviamente - prima dell' inizio clinico della malattia.

La profilassi, pur non essendo stata finora stabilita con chiare linee guida, è comunque un'ottima arma da usare nei casi in cui (per esempio) un terzo figlio in giovanissima età ha uno o due fratelli maggiori affetti da varicella; sappiamo che il secondo/terzo caso intrafamiliare, infettatosi dai congiunti, ha pressochè sempre una varicella intensa, a causa dei ripetuti inoculi di virus che per via aerea egli assume.

In questo caso personalmente consiglio la profilassi con Aciclovir per questo bimbo e anche ai genitori, qualora non abbiano la certezza di essere già immuni per aver contratto sicuramente  la malattia. Tralascio di inoltrarmi nei problemi legati al contagio di varicella di bambini con preesistenti problemi gravi di salute: per essi, mediamente, potrebbe essere il caso, se possibile, di pensare ad una vaccinazione protettiva.

Il Pediatra di Famiglia, che conosce approfonditamente la situazione familiare e lo stato di salute dei suoi assistiti sapra', senza dubbio consigliare l'opzione migliore ad ogni singolo suo pazientino.

20/9/2011

15/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Profilassi e terapia per la varicella"

Prevenire il contagio della varicella
Non esiste portatore sano di varicella: il contagio avviene per contatto diretto con le lesioni o per via aerea, anche due giorni prima dell'esantema.
Aciclovir
Mia figlia di due anni ha la varicella. Mi hanno consigliato una terapia, utilizzando aciclovir, per la sorellina.
La mamma ha la varicella
Se la mamma ha la varicella anche il neonato rischia di prenderla. Si consiglia di iniziare un trattamento con aciclovir.
Perché non ha preso la varicella?
La varicella è una malattia virale altamente contagiosa.
Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Epidemia di varicella a scuola
A scuola si ripetono casi di varicella, una vera epidemia. Cosa consiglia il Pediatra per prevenire il contagio. Esiste un vaccino per la varicella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: quali vantaggi?
L'allattamento al seno rappresenta in assoluto il miglior tipo di alimentazione per il bambino nei suoi primi mesi di vita.
I disturbi del sonno nei neonati e nei bambini
Disturbi del sonno nei neonati: si svegliano parecchie volte di notte. Come facilitare il sonno nei bambini: i consigli del Pediatra.
Sindrome di West
La sindrome di West è una malattia epilettica con esordio nel 1° anno di vita, caratterizzata dalla presenza di spasmi epilettici.
Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Incompatibilità da RH in gravidanza
L'identificazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh deve essere sempre fatta all'inizio della gravidanza per tutelare la salute fetale.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza