ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Stitichezza e allergia al latte

Non esiste ancora un metodo di laboratorio standardizzato per diagnosticare l'allergia cellulo-mediata alle proteine del latte vaccino, ma vi sono dei test che possono aiutare la diagnosi.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Mia figlia di 24 mesi soffre di stipsi ostinata da un anno. Prick test con esito negativo hanno escluso allergie al latte eppure, avendo eliminato latte dalla dieta, la stipsi è scomparsa. Il latte può portare stipsi? Se sì quali esami si possono fare per accertare tale allergia?

In uno studio di autori italiani sull'allergia alle proteine del latte vaccino (N Engl J Med. 1998 Oct 15; 339(16): 1100-4. Intolerance of cow's milk and chronic constipation in children. Iacono G et al.), seguito anche da altre osservazioni in merito (Pediatr Allergy Immunol. 2001 Dec; 12(6): 339-42. Cow's milk protein intolerance and chronic constipation in children. Daher S et al.) è stata confermata l'associazione tra stipsi e quest'ultima.

Il sintomo, in tal caso, può essere determinato sia da un'alterata reattività immunitaria di tipo cellulo-mediata (definita ancora intolleranza) che IgE-mediata (allergia classica). Nel caso di un'allergia cellulo-mediata sia i Prick test che il RAST sono, nella maggior parte dei casi, negativi.

Non esiste ancora un metodo di laboratorio standardizzato per diagnosticare l'allergia cellulo-mediata alle proteine del latte vaccino, ma vi sono dei test che, abbinati ai sintomi, possono aiutare il medico nel formulare la diagnosi. Un test di recente introduzione, ma sempre ancora non standardizzato, è il Patch test per alimenti (J Pediatr. 2003 Feb;142(2):203-5.The atopy patch tests for detection of cow's milk allergy with digestive symptoms. De Boissieu D et al.).

Esso consiste nell'impregnare uno speciale cerotto con qualche goccia di latte e di porlo a contatto sulla cute del dorso del paziente per 24 ore. Se subito dopo la rimozione del cerotto o entro 24 ore da questa si manifesta una reazione eczematosa, l'allergia è fortemente sospetta. Il test diagnostico ritenuto affidabile a livello internazionale è, però, il test di scatenamento in doppio cieco.

È una prova eseguibile solo in ambiente ospedaliero e richiede un discreto impegno. Si elimina dalla dieta del bambino l'alimento sospetto, si attende la scomparsa dei sintomi, quindi si somministra l'alimento. La reintroduzione viene effettuata in due momenti e con due formulazioni diverse: placebo (non contiene l'alimento) e alimento. Né il paziente, né i medici devono conoscere quale delle due formulazioni è l'alimento in questione (doppio cieco).

Fatto ciò, sia dopo la somministrazione del placebo che dell'alimento, si osserva il paziente dalle 24 alle 72 ore, al fine di rilevare la ricomparsa dei sintomi, evento che mette in sicura relazione il cibo con la sintomatologia. Nel suo caso lei già ha notato la scomparsa della stipsi con la dieta, potrebbe rivolgersi ad un centro specializzato per effettuare la reintroduzione in "doppio cieco" ed essere così certa della diagnosi.

Un'alternativa meno scientifica, ma più comoda, potrebbe essere quella di reintrodurre l'alimento e notare la ricomparsa della stipsi entro 72 ore da tale evento. Questa reintroduzione, definita "in aperto", non garantisce al 100% sull'esattezza della diagnosi e fa correre il rischio di protrarre inutilmente una dieta che, per un bambino di 24 mesi, è un evento sacrificante.

Comunque se alla positività della reintroduzione "in aperto" corrisponde anche un Patch test positivo, la diagnosi di allergia cellulo-mediata è più certa.

8/9/2003

6/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Stitichezza e allergia al latte"

Stitichezza in gravidanza
La stitichezza, disturbo frequente tra le donne, può peggiorare in gravidanza.
Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Allergia al latte e dieta vegetariana
E' possibile che un'intolleranza alimentare possa causare disturbi del sonno?
Stitichezza e alimentazione
La stitichezza (stipsi) spesso si verifica quando l'alimentazione non è equilibrata.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
Supposte per la stitichezza
Utilizzare supposte di glicerina o l'ampolla del termometro per stimolare l'ano può essere utile sporadicamente. Non può diventare una pratica abitudinaria.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo