ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ernia inguinale nel bambino: necessario l'intervento?

L'ernia inguinale è un'affezione comune che consiste nel passaggio di visceri attraverso uno dei due canali inguinali. Un'ernia inguinale non si risolve mai da sola e va sempre operata.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono la mamma di un bambino di tre mesi. In questi giorni il pediatra di famiglia ha diagnosticato al piccolo un'ernia ad un testicolo. Tale diagnosi è stata confermata dal pediatra del consultorio. Entrambi mi hanno consigliato di portare Pablo da un chirurgo specializzato per sottoporlo ad un eventuale intervento. Da altre fonti sono però venuta a conoscenza che tale intervento non puù essere effettuato prima dell'anno di vita. E' possibile che nel frattempo l'ernia possa regredire da sola o l'intervento chirurgico è inevitabile? Può portargli delle complicazioni per la sua futura vita sessuale? Da che cosa viene provocata tale anomalia, considerato che alla nascita non si era manifestata?

L'ernia inguinale è un'affezione comune, più frequente nei maschi che nelle femmine, che consiste nel passaggio di visceri (normalmente contenuti nell'addome) attraverso uno dei due canali inguinali. Questi sono i condotti tramite i quali, intorno al settimo-ottavo mese di gravidanza, passano i testicoli per portarsi dall'addome nello scroto.

Nei primi mesi dopo la nascita, i canali inguinali devono chiudersi o al massimo permettere il passaggio di un po' di liquido; nella femmina, invece, devono essere occupati da un cordone fibroso. Se questa chiusura è imperfetta o se la parete è troppo cedevole (come succede nell'anziano), uno sforzo anche non intenso (ad esempio, il pianto o la tosse) può determinare l'ernia. In circa il 60% dei casi l'ernia compare a destra, nel 20% sinistra e nel 20% bilateralmente.

E' sovente associata a un idrocele (cioè ad un accumulo di liquido intorno al testicolo). Un'ernia può comparire a qualsiasi età, anche subito dopo la nascita o nei primi mesi di vita. Si manifesta come un rigonfiamento all'inguine, cioè al di sopra o di lato rispetto ai genitali oppure, se l'ernia scende fino allo scroto, ad uno dei testicoli. Solitamente non causa alcun dolore al bambino.

In genere questo gonfiore scompare nel momento in cui il bambino è sdraiato, mentre si accentua quando aumenta la pressione intra-addominale (allorché il piccolo piange o tossisce). Tutte le ernie inguinali sono potenzialmente pericolose e devono essere perciò corrette precocemente con un intervento chirurgico. Un'ernia inguinale, infatti, non si risolve mai da sola e va sempre operata. Non conviene mai aspettare troppo per non dover intervenire d'urgenza: se non trattate le ernie rischiano lo strozzamento, cioè l'intrappolamento dell'intestino all'interno del passaggio erniario.

Quando ciò accade, il sangue non circola più e la parete intestinale va incontro a necrosi cioè a morte per mancata ossigenazione. Allorché si verifica questa complicazione la massa inguinale diventa dolorosa, il bambino appare irritabile e spesso compare vomito e distensione addominale.

Si tratta di una vera urgenza chirurgica. Il trattamento dell'ernia consiste nel rimettere i visceri erniati all'interno dell'addome e nel ricostruire il canale inguinale rinforzandone la parete e chiudendo la breccia attraverso cui fuoriesce l'ernia con alcune fasce muscolari o con una rete di materiale sintetico. I risultati del trattamento chirurgico sono eccellenti: le recidive sono rare e le complicanze molto basse.

Alcune ricerche hanno dimostrato che una piccola percentuale di individui sottoposti ad intervento per ernia inguinale, indipendentemente dall'età in cui è avvenuta l'operazione, presentano una riduzione della fertilità. L'intervento può essere eseguito senza rischi anche nei primi mesi di vita. Si tratta di una operazione rapida e semplice; in genere il bambino viene dimesso dopo uno-due giorni.

1/7/1997

2/5/2015

I commenti dei lettori

mio figlio ha 3 anni 8 giorni fa e stato operato di ernia inguinale .ma mi sembra un miracolo per lui e come non è successo niente, ha iniziato la sua vita normale a giocare a fare le solite cose che faceva prima .non avete paura i bambini sono più forti di noi.

claudia (CT) 10/08/2013

mio figlio è stato operato 6 mesi fa... tutto ok intervento riuscito niente dolore e niente disturbi.. solo che a distanza di questi pochissimi mesi il problema è tornato.. ed ha solo 4 anni ancora...

(CA) 08/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ernia inguinale nel bambino: necessario l'intervento?"

Ernia inguinale
L'ernia inguinale è la protrusione del contenuto di un compartimento corporeo attraverso la parete che di norma lo racchiude.
Ernia inguinale nei bambini
Intervento per ernia inguinale nei bambini. Il rischio di strozzamento dell'ernia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte