ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ernia inguinale

L'ernia inguinale è la protrusione del contenuto di un compartimento corporeo attraverso la parete che di norma lo racchiude. L'ernia inguinale più frequente nei bambini è l'ernia inguinale indiretta.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Quali complicazioni può dare l'ernia inguinale? A mio figlio è stata diagnosticata, ma lui sembra stare perfettamente bene.

L'ernia è la protrusione del contenuto di un compartimento corporeo attraverso la parete che di norma lo racchiude ovvero, in altre parole, la fuoriuscita di visceri attraverso una apertura normalmente chiusa (canale inguinale, ad esempio) o una lacerazione. Le ernie (o cedimenti) e gli idroceli sono le anomalie di una certa entità più comuni nei bambini. L'ernia inguinale più frequente nella prima e seconda infanzia è l'ernia inguinale indiretta (congenita - infantile).

Le ernie sono presenti nell'1 - 3% dei bambini. Il sintomo che si evidenzia è di solito un rigonfiamento all'inguine per un tratto variabile in discesa verso lo scroto o le grandi labbra. La protuberanza può essere continuamente presente o comparire solo con l'aumento della pressione endoaddominale, per esempio dopo pianto o "spinta" per la defecazione o tosse. L'ernia di solito scompare quando il lattante si rilassa con il biberon o, nel bambino più grande, quando è in posizione sdraiata.

La diagnosi nella prima infanzia si può fare anche in base alla sola anamnesi, anche se mancano segni obiettivi. Qualora i genitori apprezzino il rigonfiamento sopradescritto è necessario sottoporre il bambino ad una visita chirurgica: il chirurgo valuterà la riducibilità dell'ernia (cioè la possibilità di ricondurre spontaneamente il materiale fuoriuscito entro la porta erniaria) e deciderà di intervenire o meno, valutando la possibilità di un testicolo retrattile o altra anomalia.

Le ernie inguinali non complicate nel bambino difficilmente provocano dolore, il dolore inguinale è più spesso segno di una patologia dell'anca. Se la tumefazione persiste e non si riduce con il cambio di posizione, il piccolo paziente deve essere portato immediatamente ad una visita chirurgica d'urgenza per la possibilità di strozzatura dell'ernia. Questa è la complicazione più temibile: l'intestino si incastra nella porta erniaria e non riceve più sangue, con conseguente necrosi (morte tissutale). Il trattamento è l'erniorrafia (letteralmente "cucitura dell'ernia"), cioè un vero e proprio "rammendo" della parete. I rischi che l'ernia si manifesti da entrambi i lati sono aumentati se: l'età è inferiore ad un anno, c'è una storia di idrocele bilaterale, c'è un funicolo spermatico ispessito o nel sesso femminile sotto i 5 anni di età. I cinti erniari sono controindicati e si ritiene che potenzino il rischio di strozzatura. La prognosi successiva all'intervento è eccellente, le recidive sono inferiori all'1%.

1/7/1997

28/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ernia inguinale"

Ernia iatale
Con il termine ernia iatale si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala.
Intervento per ernia inguinale nel bambino
Tutte le ernie inguinali sono potenzialmente pericolose e devono essere perciò corrette precocemente con un intervento chirurgico.
Ernia iatale e reflusso gastroesofageo
L'ernia iatale è di solito congenita nei bambini ed è frequentemente associata a reflusso gastro-esofageo.
Ernia della linea alba
L'ernia della linea alba viene anche chiamata "epigastrica", perché si localizza al centro dell'addome.
Ernia ombelicale
L'ernia ombelicale è estremamente frequente e si presenta come una tumefazione dell'ombelico.
Ernia inguinale nei bambini
Intervento per ernia inguinale nei bambini. Il rischio di strozzamento dell'ernia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte