ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ernia iatale

Con il termine ernia iatale si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala, detta porta erniaria.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Cosa è un'ernia iatale? Quali sono i sintomi? Ci sono delle cure? Il mio pediatra dubita che il mio bambino di cinque anni ne soffra.

Con il termine "ernia" si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala, detta porta erniaria. Può essere congenita (cioè presente alla nascita) o acquisita (ossia verificarsi, per vari motivi, dopo la nascita). Questo spostamento può avvenire verso l'esterno, e quindi essere visibile: si parla allora di ernia esterna (es. ernia inguinale o ernia ombelicale). Oppure lo spostamento si verifica in un compartimento cavo contiguo, e allora non può essere visibile: si parla perciò di ernia interna.

Prima di definire l'ernia iatale è necessario però accennare qualcosa sul diaframma, ossia la "membrana" muscolare che, posta trasversalmente, separa la cavità toracica da quella addominale. Il diaframma non è perfettamente uniforme ma presenta delle aperture (o iati) attraverso cui passano i vasi sanguigni e l'esofago; quest’ultimo, localizzato in posizione intratoracica, e perciò sovradiaframmatica, si congiunge poi allo stomaco al di sotto del diaframma. Per ernia iatale, quindi, si intende la dislocazione parziale o totale dello stomaco, attraverso lo iatus (l’apertura) esofageo, nella cavità toracica. Essa è un'ernia interna ed è, di solito, congenita nei bambini.

Esistono varie forme di ernia iatale: forme minori, in cui la dislocazione dello stomaco non è permanente, ma ritorna nella sua posizione naturale con un meccanismo che potremmo definire di "va e vieni"; e forme maggiori, in cui la dislocazione dello stomaco è permanente. Quest’ultime sono rappresentate da: ernia iatale da scivolamento (in assoluto la più frequente e, spesso, asintomatica forma di ernia iatale), quando ad essere dislocati sono la giunzione esofago-gastrica e la porzione prossimale dello stomaco; ernia iatale paraesofagea (rappresenta meno del 5% di tutte le ernie iatali), quando lo stomaco ernia , del tutto o in parte, nel torace, mentre la giunzione esofago-gastrica rimane in sede sottodiaframmatica; ernia iatale mista, che contempla le due precedenti forme. Anche un brachiesofago (esofago corto) congenito o acquisito, può "tirare" in alto lo stomaco e realizzare così un'ernia iatale.

Vediamo ora quali sono i sintomi. Per meglio parlare della sintomatologia è necessario riprendere un concetto prima accennato, cioè la giunzione esofago-gastrica. Come detto, è questa il punto di unione dell'esofago allo stomaco ed è situato in sede sottodiaframmatica. A livello di tale giunzione ha sede un meccanismo "a valvola" piuttosto complesso che impedisce al contenuto gastrico, molto acido, di risalire nell'esofago; quest’ultimo non è strutturato per tollerare l'acidità gastrica per cui, quando ciò accade, si hanno dei sintomi di sofferenza e, se accade spesso, l'esofago viene ad esserne danneggiato. Ora, nel caso in cui si verifica una dislocazione della giunzione esofago-gastrica, (come accade nell'ernia da scivolamento) la funzione valvolare viene invariabilmente perduta, e si avranno perciò sintomi da reflusso gastro-esofageo, dovuti cioè al passaggio del contenuto gastrico in esofago. Tali sintomi possono presentarsi molto precocemente: rigurgito, vomito, rallentamento della crescita, anoressia, irrequietezza (il bimbo più grande può lamentare dolori al petto), problematiche respiratorie, anemia.

Quando, invece, non vi è dislocazione esofago-gastrica (come nel caso dell'ernia iatale paraesofagea) non c'è una particolare predisposizione al reflusso gastro-esofageo ed i sintomi compaiono più tardivamente (dopo il primo anno di vita) sotto forma di dolori addominali dopo i pasti, dolori toracici occasionali oppure fenomeni causati dallo stomaco erniato (ad esempio senso di compressione o di ingombro toracico) mentre sono rare in età pediatrica le complicanze quali emorragie e strangolamento del viscere. Ovviamente, nella forma mista possono coesistere entrambe le sintomatologie.

Occorre precisare, tuttavia, che la funzione di "valvola" prima citata può essere alterata anche in presenza di una regolare disposizione della giunzione esofago-gastrica e dello stomaco. Perciò, il reflusso gastro-esofageo può verificarsi (e si verifica) in assenza di ernia iatale; anzi, per essere precisi, il reflusso associato all'ernia iatale rappresenta, in termini di frequenza, solo una minima parte dei casi di reflusso gastro-esofageo. Da quanto detto, relativamente alle caratteristiche e soprattutto alla frequenza delle diverse forme di ernia iatale, si evince che la terapia è diretta non all'ernia in sé ma al reflusso gastro-esofageo, per il quale esistono mezzi precisi di definizione diagnostica e di quantificazione dell'entità dello stesso, nonché terapie efficaci, ben sperimentate e molto ben conosciute dai pediatri. Nei rarissimi casi, invece, di ernia iatale voluminosa od importante, associate eventualmente a brachiesofago, con o senza reflusso, l'approccio chirurgico di riposizionamento del viscere si impone.

5/6/2000

27/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ernia iatale"

Ernia ombelicale
L'ernia ombelicale è estremamente frequente e si presenta come una tumefazione dell'ombelico.
Ernia della linea alba
L'ernia della linea alba viene anche chiamata "epigastrica", perché si localizza al centro dell'addome.
Ernia inguinale
L'ernia inguinale è la protrusione del contenuto di un compartimento corporeo attraverso la parete che di norma lo racchiude.
Ernia inguinale nei bambini
Intervento per ernia inguinale nei bambini. Il rischio di strozzamento dell'ernia.
Intervento per ernia inguinale nel bambino
Tutte le ernie inguinali sono potenzialmente pericolose e devono essere perciò corrette precocemente con un intervento chirurgico.
Ernia iatale e reflusso gastroesofageo
L'ernia iatale è di solito congenita nei bambini ed è frequentemente associata a reflusso gastro-esofageo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte