ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

Il quadro di D. D. Santvoort: Bambino in bianco

Il "Bambino in bianco" è un quadro che ben raffigura le caratteristiche dell'abbigliamento infantile del passato.

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

Bambino in bianco (1641 ca.)

di D. D. Santvoort (1610 - 1680)
collezione privata - Olanda

Bambino in bianco (1641 ca.)  di D. D. Santvoort (1610 - 1680) collezione privata - Olanda

Nonostante l'abito lungo e la cuffietta ricamata, il bambino raffigurato nel quadro è un maschietto. 
Si tratta di un bimbo di più di un anno, Simon von Alterten (1640-1674), esponente di una famiglia dell'alta borghesia olandese. Indossa un sontuoso abito bianco, bordato da eleganti merletti, aperto sul davanti per fare intravedere una sottogonna decorata e coperto da un bianco grembiule ricamato con pettorina. Immancabili, dietro la schiena, si intravedono le dande, strisce di tessuto, diventate l'emblema dell'abbigliamento infantile. 
La moda dei secoli passati imponeva che i bambini di entrambi i sessi si vestissero tutti alla stessa maniera, fino a quasi cinque anni di vita: con la gonna lunga. In questo modo non si riusciva a capire se fossero maschietti o femminucce. 
Ma se ci sofferma ad osservare meglio il quadro si possono notare alcuni elementi che permettono di capire il sesso del bambino: la posa marziale frontale che richiama alla mente ritratti di principi e generali abituati al comando e alla guerra, il bastone impugnato nella mano destra e il sonaglino stretto nell'altra come se fossero armi da combattimento, la catena d'oro che corre diagonalmente, quasi a seguire i riquadri del pavimento di marmo, che ricorda fasce e onorificenze conferite ad un soldato sul campo di battaglia. Il quadro è considerato uno dei più bei ritratti infantili della pittura olandese del Seicento per il forte impatto visivo dato dal contrasto tra la luminosità del colore bianco e lo sfondo scuro, tra il volto delicato ed innocente del bambino e l'abbigliamento lussuoso che esprimeva il potere e la ricchezza della famiglia. Ma oltre a tutto ciò, il ritratto comunica anche il sentimento di orgoglio e di amore che i parenti riponevano nei confronti della loro prole.
L'arte diviene per la storia dell'abbigliamento, in particolare per quella infantile, una fonte preziosissima, una importante testimonianza storica di come si vestivano i nostri antenati; infatti pochi vestiti sono giunti integri fino a nostri giorni, a causa della deteriorabilità dei pregiati tessuti, ma anche per la consuetudine di utilizzare la stessa stoffa per realizzare altri abiti e accessori, generalmente per i bambini. Una volta che il tessuto o la veste non era più utilizzabile, finiva sui banchi dello straccivendolo che la vendeva ai poveri: di un abito sontuoso non restava altro che pochi cenci.

23/1/2003

6/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il quadro di D. D. Santvoort: Bambino in bianco"

L'allattamento nell'arte e nella letteratura
Alcune curiosità e approfondimenti sull'allattamento nell'arte, nella letteratura e nella storia.
La lettura nell'arte e curiosità sulla letteratura
Vediamo come la lettura è stata rappresentata nell'arte e scopriamo alcune curiosità sulla letteratura e i personaggi di fantasia.
Una famiglia di Fernando Botero
L'obesità nell'arte: il quadro di Fernando Botero rappresenta una famiglia dipinta con una surreale ironia.
La Madonna della Pappa
A Modena si può ammirare un gruppo scultoreo in terracotta detto: "Madonna della Pappa".
L'obesità nell'arte
Vediamo alcuni esempi di come è stata raffigurata l'obesità nell'arte.
Il quadro "Khaterine Cassatt mentre legge ai suoi nipoti"
Mary Cassatt, famosa pittrice impressionista americana, dipinge in questo quadro la madre Khaterine mentre legge ai nipoti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte