ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Gestosi

Sotto la denominazione di gestosi si raggruppano tutte le malattie della gestante connesse alla situazione di gravidanza e alla sua evoluzione. Distinguiamo gestosi del 1° e 3° trimestre.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mia moglie è affetta da una lieve forma di gestosi vorrei sapere qualcosa su questa malattia.

Si raggruppano sotto questa denominazione le malattie della gestante connesse alla situazione di gravidanza e alla sua evoluzione. Distinguiamo gestosi del 1° e 3° trimestre.
Le gestosi del primo trimestre sono:

  • Ptialismo: esagerata secrezione salivare spesso associata a vomito e nausea, dovuta probabilmente ad aumentata produzione di mediatori del sistema nervoso detti colinergici;
  • Iperemesi: notevole esagerazione dei fenomeni gravidici legati al sistema nervoso simpatico che determinano vomito incoercibile sia a digiuno che dopo ingestione di cibi solidi e liquidi, nausea, salivazione abbondante, ipotensione, tachicardia, palpitazioni (extrasistoli). Il rischio è legato alla perdita di sali minerali con il vomito e quindi predisposizione a forme di disidratazione.

La terapia per queste gestosi iniziali dipende dalla gravità o meno della sintomatologia, normalmente bastano le norme igienico-dietetiche ed il controllo della pressione e del peso corporeo; se invece i sintomi sono invalidanti per la gestante si possono attuare terapia esdative per il vomito.

Le gestosi del terzo trimestre sono invece caratterizzate dalla tride di sintomi:

  • ipertensione arteriosa (pressione alta)
  • edemi (gonfiori)
  • proteinuria (presenza di proteine nelle urine)

Fattori predisponenti sono: l'obesità, la prima gravidanza, il diabete, le malattie renali, la gravidanza gemellare, l'abbondanza di liquido amniotico nell'utero (polidramnios), i fibromi uterini. Le gestosi del 3° trimestre, se non trattate, evolvono attraverso due stadi: lo stadio pre-eclamptico e lo stadio eclamptico.

La prima condizione è caratterizzata da cefalea persistente (specie frontale), da disturbi visivi come scotomi (mosche volanti), da gastrite acuta, da aumento dei valori pressori, generalmente al di sopra di 150/100, da aumento di peso improvviso con edemi che non regrediscono con il riposo, dalla diminuzione della quantità di urine (oliguria) e presenza di albumina nelle urine (albuminuria).

Questo stadio può poi evolvere nello "stadio eclamptico" o "accesso eclamptico" caratterizzato da fasi convulsive con contrazioni tonico-cloniche dei muscoli facciali e successivamente di tutti i muscoli corporei; gli attacchi possono essere unici, ripetersi a distanza o succedersi rapidamente uno in seguito all'altro (male eclamptico estremamente grave).

La terapia si avvale di diuretici, di farmaci antipertensivi, di sedativi, anticonvulsivanti. Si devono tenere sotto controllo le urine e i dati ematici, si deve monitorare l'attività cardiaca e respiratoria, oltre che la pressione arteriosa, sono importanti le norme igienico-dietetiche con controllo frequente del peso corporeo.

1/10/1997

15/3/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gestosi"

I neonati nati prematuri
Le problematiche respiratorie rappresentano la percentuale maggiore delle patologie dei neonati nati prematuri.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Come alleviare i fastidi causati dal raffreddore
Il bambino piccolo soffrono particolarmente di raffreddore per via della ostruzione delle vie nasali. I consigli su come alleviare i fastidi.
Filial Therapy
Secondo il modello terapeutico della Filial Therapy, il gioco è inteso come strumento di terapia, che permette di migliorare il rapporto genitori-figli.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Le cause della tosse
Solitamente la tosse è dovuta a un'infezione, per lo più virale, in genere destinata a risolversi spontaneamente.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita