ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La gestosi

La gestosi è una malattia che compare esclusivamente in gravidanza con gonfiore, aumento della pressione, mal di testa e problemi renali. Le cause non sono ancora ben note.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La gestosi è una malattia che compare esclusivamente in gravidanza e che interessa all'incirca 5 donne su 100. In genere si manifesta verso la ventisettesima-ventottesima settimana di gravidanza, con sintomi che all'inizio non creano disturbi particolari: un gonfiore generalizzato, espressione di una eccessiva ritenzione di liquidi e di sali nell'organismo, ed un incremento di peso eccessivo.

Se non diagnosticata in questa fase (soprattutto attraverso l'esame delle urine ed i controlli periodici presso il proprio ginecologo) progredisce facendo comparire altri segni, secondari ad un aumento della pressione arteriosa (si parla in termini medici di pre-eclampsia): cefalea intensa, alterazioni della vista, dolori di stomaco, edemi (rigonfiamenti) alle caviglie, alle mani e alle palpebre, ulteriore forte aumento di peso, presenza nelle urine di albumina (una proteina normalmente assente), segno quest'ultimo di un alterato funzionamento dei reni.

Nei casi peggiori i disturbi della circolazione e dell'attività renale impediscono un corretto funzionamento della placenta, provocando un ritardo nell'accrescimento fetale e, a volte, anche la morte del feto, mentre nella madre si può arrivare, raramente, a perdita di coscienza e a crisi di tipo epilettico (si parla allora di eclampsia).

Le cause della gestosi non sono ancora ben note, ma sembrano più a rischio le primipare (coloro cioè che sono alla prima gravidanza), le donne sopra i 39-40 anni, quelle in attesa di gemelli, le obese, le donne che già prima della gravidanza soffrivano di pressione alta, di diabete o di problemi renali, le grosse fumatrici. La malattia, all'inizio, richiede riposo (si sa che gli sforzi fisici fanno aumentare la pressione arteriosa) e una dieta povera di sodio. Se la gestosi è invece in stadio avanzato, è necessario il ricovero ospedaliero e, spesso, proprio per evitare problemi nell'accrescimento del feto, viene anticipato il parto di alcune settimane.

Come prevenzione è fondamentale il controllo periodico in gravidanza del peso, dei valori della pressione del sangue e dei livelli di albumina nelle urine.

20/8/2000

27/4/2016

I commenti dei lettori

Ciao, Mi chiamo Elisa, ho 32 anni e volevo racconare la mia esperienza.Il 1° Luglio 2010 ho  dovuto fare parto cesareo alla 33° settimana per gestosi. Inizialmente alla 29° settimana ho iniziato a vedere un leggero gonfiore alle caviglie, ma niente di preoccupante, poiche' sono molto scrupolosa ho misurato la pressione ed avevo 90 di minima e 140 di massima; era proprio al limite. Mi hanno curato con 2 compresse di aldomet da 500 mg al giorno, e sembrava che il pericolo fosse scampato, ma non era cosi'. Dopo 10 gg gli esami delle urine hanno iniziato a sballare, rilevando un aumento delle proteine in special modo dell'albumina, la pressione ha iniziato ad aumentare nuovamente e mi sono dovuta ricoverare.  Mi hanno aumentato la dose delle pastiglie, ma era tutto inutile. 4 aldomet da 500 mg al giorno e 1 compressa Adalat Crono da 30 mg era come non fare alcuna cura la pressione era sempre alle stelle 120 di minima e 175 la massima.Mi sentivo veramente male,era come avere la febbre 24 ore su 24. Alla fine gli esami delle urine sempre piu' sballate e le transaminasi ad oltre 300 hanno creato la  situazione di urgenza ed e' nato il mio primogenito Tommaso. Fortunatamente gli organi erano tutti a posto ed il bimbo pesava kg 1770. Siamo stati 26 giorni nel reparto di neonatologia per arrivare al peso di kg.2,3. Adesso Tommaso ha 4 mesi ed e' un bambino normalissimo, bravo e buono, ma la paura e' stata veramente tanta!!!!!!!

 

(FI) 28/10/2010

Ciao a tutte io ho partorito alla31esima settimana ,il 18 marzo ho partorito la mia piccola giulia di1200kg è stata un esprienza bruttissima tanta paura, ora è a casa e pesa 3800 ma ho ancora paura per la sua salute per fortuna è forte perchè ha sofferto poco nella pancia Nelle UltiMe settimane ero gonfiata tantissimo ho incominciato dai piedi ,le gambe e la faccia era irriconoscibile avevo un naso enorme ma continuavo a farmi le analisi ed era tutto apposto compresa la pressione Infatti il 10 marzo mi sono sposata il 14 marzo sono partita per una piccola luna di miele e il 15 marzo mi sono ricoverata con la pressione alta e la febbre e il 18 ho partorito, NON Sò QUALE SIA STATA LA CAUSA MA LA MIA GRAVIDANZA FIN DALL'INIZIO MI HA DATO PROBLEMI L'HO PASSATA A LETTO ,ANCHE SE LE VISITE ERANO PERFETTE IO SENTIVO CHE C'ERA SEMPRE QUALCOSA CHE NON ANDAVA ERO SEMPRE STANCA E MI FACEVA SEMPRE MALE LA PANCIA,fin dai primi mesi non riuscivo nemmeno a tenere in mano una bottiglia di vino . Sarei davvero curiosa di sapere che cosa ha provocato la gestosi!!!!!

ilaria (SP) 29/05/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La gestosi"

I neonati nati prematuri
Le problematiche respiratorie rappresentano la percentuale maggiore delle patologie dei neonati nati prematuri.
Gestosi
Sotto la denominazione di gestosi si raggruppano tutte le malattie della gestante connesse alla situazione di gravidanza e alla sua evoluzione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte